Gli 11 Migliori Kayak da Mare

miglior-kayak-da-mare

La scelta del miglior kayak da mare è un’esperienza coinvolgente. Ci sono molti fattori da considerare e molti tipi di kayak diversi sul mercato, quindi capire qual è quello giusto per te può essere una sfida.

Negli ultimi anni il kayak ha conosciuto una sempre maggiore diffusione, arrivando a prevalere sulla canoa, per un paio di motivi. Innanzitutto, i kayak sono molto più leggeri e più facili da manovrare rispetto alle canoe. La pagaia tipica di questa imbarcazione consente il pieno controllo durante le manovre. Inoltre, i kayak sono generalmente molto più veloci delle canoe.

Le Migliori Kayak da Mare

Qual è il miglior kayak da mare?

Il kayak è uno sport molto popolare per una buona ragione. Ti permette di avere una splendida vista sull’acqua mentre ti stai allenamento. Puoi irrobustire la parte superiore del corpo con il ritmo che preferisci, mentre lanci pigramente una lenza per pescare mentre ti lanci alla massima velocità andando sempre più al largo.

Non importa qual è la tua meta: il tuo kayak ti consentirà sempre di raggiungerla. Ma proprio per questo è importante considerare il tipo di imbarcazione che meglio si presta a soddisfare le tue esigenze. Un kayak da escursione a lunga distanza è perfetto per le escursioni del fine settimana, ma non è la scelta migliore per la pesca o le gite brevi.

Si consiglia di vestire il tuo kayak aggiungendo alcuni accessori, dai portapacchi agli attrezzi da pesca ai supporti dei sedili. Così facendo potrai trarre il massimo dalla tua barca.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori kayak da mare:

1. Big Mama Gil Kayak da mare – Il migliore per praticità di trasporto

2. Atlantis Kayak Canoa Ocean Giallo – Il migliore per schienale molto comodo

3. Bic Sport Ouassou Kayak da mare – Il migliore per versatilità di utilizzo

4. Intex 68307NP Explorer K2 – Il migliore per seduta ergonomica

5. Intex 68305 Challenger K1 – Il migliore per sedile gonfiabile

6. Sevylor Reef 240 Kayak Mare Gonfiabile – Il migliore per accorgimenti che incrementano la sicurezza

7. Bestway Ventura Kayak Arancione – Il migliore per sedili regolabili con scomparti porta-oggetti

8. Intex 68306 K2 Challenger Kayak Gonfiabile – Il migliore per elevata resistenza alle abrasioni

9. Bestway Ventura Kayak Arancione – Il migliore per accogliere comodamente due persone

10. Bestway Hydro-force Lite-rapid X2 Kayak – Il migliore per evitare l’ingresso dell’acqua nell’abitacolo

11. Advanced Elements AE1007-R AdvancedFrame Kayak Gonfiabile – Il migliore per rapporto qualità prezzo

Come scegliere il kayak?

kayak-da-mare

Il tuo primo passo per scegliere un kayak è fare un elenco di priorità. Sei un veterano del kayak e non perdi occasione per lanciarti all’avventura o sei un kayaker occasionale a cui piace pagaiare nella massima tranquillità? Sei audace o cauto? Vuoi intraprendere delle spedizioni al largo o ti accontenterai di un kayak costiero?

Oltre a rispondere a tutte queste domande, devi anche confrontarti con il prezzo. Anche il kayak più economico richiede infatti un certo investimento. Ma se vuoi acquistare risparmiando, puoi trovare nella vendita online tante offerte interessanti di kayak e canoa, per tutte le tasche.

Caratteristiche da considerare nell’acquisto del kayak?

Quanto arriva il momento di fare il grande passo, è importante prendere in considerazione alcuni aspetti che ti consentono di identificare il modello in commercio più adatto a soddisfare le tue esigenze. Innanzitutto, pensa come saranno le tue uscite: ti piace pescare o fare rafting in acque bianche? 

Un aspetto da non sottovalutare è il trasporto dell’imbarcazione. Se non vuoi investire in un carrello per auto, puoi sempre optare per una canoa gonfiabile, che tra l’altro si può riporre in poco spazio.

Naturalmente, il kayak va scelto in base al numero di persone che lo utilizzeranno. Considera se vuoi avventurarti da solo o in compagnia. Magari, vuoi portare con te il tuo amico a quattro zampe: allora devi trovare un kayak che offra un adeguato spazio anche per lui.

Oltre a questo, c’è ancora molto altro da considerare!

Livello di abilità

Alcuni dei migliori kayak da mare sono lunghi, affusolati, reattivi ed esigenti. Se stai ancora imparando i principi di base, potrebbe essere meglio optare per un kayak più largo e più stabile poiché questi sono normalmente più facili da usare. Ricorda, la tua abilità migliorerà a seconda del livello di divertimento che provi quando utilizzi il kayak. Puoi sempre ottenere qualcosa di più impegnativo man mano che le tue abilità migliorano.

Mentre alcuni guru sostengono che i principianti dovrebbero iniziare con un kayak ad alte prestazioni per sviluppare tecniche adeguate, un kayak per utenti esperti può comportare grandi rischi, come ad esempio l’incapacità di far fronte alle correnti e ai forti venti. Tutto questo può contribuire a trasformare una piacevole pagaiata in un vero incubo.

Spazio disponibile

La regola generale è di portare con sé solo lo stretto necessario. Il fatto che il tuo kayak abbia un sacco di spazio sottocoperta non significa che si maneggerà bene in mare mosso se viene riempito fino all’ultimo centimetro disponibile.

Gestione

La gestione del kayak include sia la manovrabilità che il suo controllo. Mentre un alto livello di manovrabilità è importante in aree ristrette, lo è meno in mare aperto. Ciò significa che è preferibile poter effettuare controllo superiore quando si sceglie un kayak da mare.

Livello di immersione

Che tu sia un principiante che pagaia in acqua calma o un kayaker avanzato in grado di gestire le forti correnti, è bene avere un kayak con un elevato livello di affondamento. Il livello di affondamento di un kayak è determinato da quanto peso è necessario per farlo scendere un centimetro più in basso nell’acqua.

Maggiore è la capacità, maggiore è il peso che il kayak da mare può sopportare. Se stai usando il tuo kayak da mare per lo sport, sarà sufficiente una capacità inferiore. Se stai usando il tuo kayak da mare per diletto, meglio cercane uno con capacità elevata. In questo modo, puoi riposare facilmente e non preoccuparti di ribaltare il tuo kayak.

Materiali

La maggior parte dei kayak da mare di marca conosciuta sono realizzati con materiale resistente in grado di sostenere condizioni meteorologiche diverse. Tuttavia, i marchi che propongono kayak a basso prezzo tendono a economizzare su questo aspetto.

Persino alcuni dei marchi più importanti, che offrono kayak da mare economici, sono noti per l’utilizzo di materiali scadenti. Stai attento a componenti in acciaio a vista e legno non sigillato. Tieni presente che la plastica e il polietilene acrilonitrile-butadiene-stirene (abs) sono i materiali che si fanno maggiormente apprezzare per le loro performance.

Scafo

Dato che i kayak da mare si troveranno in acque più turbolente, devono essere in grado di tagliare facilmente quelle scie. A differenza dei kayak d’acqua dolce, che possono avere scafi arrotondati e piatti, i kayak da mare dovrebbero avere scafi a V. Ciò garantirà che possano letteralmente tagliare le onde, grandi e piccole.

Gli scafi a V aiutano anche con la stabilità. Ma gli scafi arrotondati sono accettabili anche in determinate condizioni marine, come l’attraversamento di calette chiuse, acque piatte costiere ed estuari.

Dimensioni

Per la navigazione costiera in mare aperto, i kayak stretti e di medie dimensioni offrono le migliori prestazioni. Le loro larghezze contenute consentono loro di navigare con facilità sia in acque calme che piuttosto agitate.

Avere un kayak da mare lungo all’incirca 3 o 4 metri aiuterà anche a mantenerlo stabile.

Pozzetti

A differenza di altri kayak per fiumi e laghi, i kayak da mare devono avere piccole aperture per l’abitacolo. In effetti, l’abitacolo dovrebbe essere appena più largo della vita.

Dovrebbe essere abbastanza comodo per sederti e muoverti, ma non troppo stretto per essere scomodo o inibire il movimento. Queste piccole forme della cabina di pilotaggio aiuteranno a impedire l’ingresso dell’acqua di mare. I kayak da mare utilizzati per turismo in acque piatte possono avere aperture più grandi.

Tipo di acqua

Il tipo di acqua che attraverserai in kayak gioca un ruolo importante nel tuo processo decisionale. Per le acque piatte, come quelle che si trovano intorno a mangrovie e calette chiuse, i kayak economici e sit-on-top vanno bene.

Tuttavia, se si prevede di affrontare correnti instabili, è necessario prendere in considerazione solo i kayak con pozzetti in vita e scafi a V.

Accessori

Molti modelli sono forniti con una buona dotazione di accessori: una pompa (generalmente una pompa manuale), un kit per le riparazioni, delle pezze che consentono di intervenire in autonomia in caso di foratura.

Come scegliere il materiale giusto?

Come anticipato, ci sono diversi materiali sintetici e naturali che possono essere utilizzati per costruire un kayak da escursione. Si va dal polietilene al policarbonato

dalla lana di vetro al legno. Ogni materiale ha le sue proprietà uniche, con pro e contro distinti. Scegli quello giusto per le tue esigenze, livello di competenza e budget. E per quanto riguarda le pagaie, puoi optare per l’alluminio.

  • Polietilene

Si tratta di uno dei materiali per kayak più comuni. È leggermente flessibile e resiste bene all’impatto. Ciò significa che non è molto probabile che crei un buco se lo speroni a terra o vai a sbattere contro una roccia.

Il rovescio della medaglia è che il polietilene è abbastanza soggetto a danni UV nel tempo a causa di una non adeguata protezione solare. Questo non sarà un problema a meno che non conservi il kayak alla luce del sole o lo usi molto.

  • Policarbonato

Sembra molto simile al polietilene ma presenta alcuni vantaggi. Il policarbonato può essere trasformato in uno scafo più liscio che scivola in modo più efficiente attraverso l’acqua. Per un kayak da escursione questo è l’ideale perché semplifica le lunghe giornate di pagaiata. Ideale per migliorare l’efficienza.

  • Fibra di vetro

È un materiale comunemente usato nella costruzione dei kayak e si fa apprezzare per la sua durata, leggerezza e la capacità di mantenere una lucidatura superficiale molto elegante e liscia. L’acquisto di un kayak in fibra di vetro ti costerà un po ‘di più  ma potrebbe valerne la pena, se pensi di utilizzarlo per molto tempo.

  • Legno

I kayak in legno sono forse i tipi meno diffusi. Come i kayak in fibra di vetro, possono essere realizzati anche a casa. Richiedono però molto tempo per realizzarli, oltre a un buon livello di creatività.

Le barche in legno possono essere estremamente efficienti, durevoli e divertenti da pagaiare se costruite bene.

Come scegliere lo scafo che fa per me?

Le forme dello scafo si riferiscono alla forma della barca tagliata idealmente a metà e vista in posizione frontale. Ogni tipo di scafo è progettato per eccellere in alcune caratteristiche. Non tutti gli scafi sono uguali e ogni tipo ha i suoi pro e contro.

  • A forma di V

Sono di gran lunga gli scafi più comuni ed efficaci per i kayak da turismo. Questi scafi hanno una forma a V molto affilata sotto la barca e non sono arrotondati come una U.

All’inizio possono sembrare difficili da governare, a causa della loro instabilità. Una volta in movimento si comportano in modo efficiente e tagliano l’acqua come una lama.

  • A forma di U

Gli scafi a forma di U sono uniformemente rotondi o possono cambiare angolo in  un determinato punto. Sono inclinati molto più dolcemente rispetto a uno scafo a forma di V. Queste barche hanno una scarsa stabilità iniziale ma funzionano bene quando si pagaia.

  • Piatto

Difficilmente troverai questo tipo di scafo su un kayak per escursioni. Un fondo piatto è inadatto per le barche da turismo in quanto sono meno efficienti e offrono una migliore stabilità quando si è seduti fermi piuttosto che mentre si sta pagaiando.

Che tipo di chiglia è meglio per me?

kayak

Anche il tipi di chiglia del kayak è un aspetto importante da prendere in considerazione. La chiglia rappresenta l’area fisica in cui il lato della barca passa nella parte inferiore .

La chiglia può essere morbida o rigida. Nel primo caso dorma un angolo arrotondato, nel secondo caso forma un angolo retto.

Chiglia rigida

Le barche a chiglia rigida hanno quella che potrebbe sembrare una piega che corre lungo la lunghezza dell’imbarcazione, formando una notevole depressione nel materiale della struttura. Gli spigoli duri garantiscono una buona stabilità in posizione verticale (stabilità primaria) ed un’eccezionale velocità.

Chiglia morbida

Le barche a chiglia morbida possono presentare una “piega” scarsa o nulla, ma potrebbero apparire più fluide. Hanno una notevole stabilità quando sono inclinate su un lato (stabilità secondaria).

Queste barche si comportano bene in acque agitate dove le onde scivolano via dagli spigoli arrotondati. Tuttavia, non sono veloci come le barche a chiglia dura.

Stabilità primaria e secondaria in un kayak da escursione

Poco fa abbiamo accennato al concetto di stabilità primaria e di stabilità secondaria. Una parte importante della scelta del kayak giusto è sapere quale tipo di stabilità stai cercando. A seconda di molti dettagli, un kayak può avere stabilità primaria, stabilità secondaria o un ibrido delle due stabilità.

  • Stabilità primaria

Indica la stabilità di una barca quando è posizionata in verticale. Ciò ha anche un grande impatto sulla stabilità quando la barca è ferma, come quando si entra nella barca o se si va a pesca.

  • Stabilità secondaria

Indica la stabilità della barca quando si inclina su un lato. Un elevato livello di stabilità secondaria è ideale per i mari agitati in acque libere o per le barche di acque bianche. Per la maggior parte delle imbarcazioni da turismo la stabilità secondaria è meno importante.

Che cos’è il rocker del kayak?

Abbiamo parlato della forma dello scafo che è ciò che vedi della barca da una prospettiva frontale. Ora immagina il kayak da una prospettiva laterale. È qui che entra in gioco il rocker.

Se sei uno sciatore, allora hai già familiarità con questo termine. Una barca, analogamente a uno sci, ha le estremità sollevate come quelle di una banana. Quando sono posizionati a terra, la prua e la poppa sono sollevati e formano una sorta di arco.

La maggior parte delle barche ha una certa quantità di curvatura. La curvatura aiuta nella manovrabilità perché prua e poppa hanno meno materiale immerso. In questo modo, quando i kayaker imprimono la forza di virata sulla barca, incontrano una minore resistenza.

Di solito è preferibile fare kayak con meno rocker. Un kayak da turismo più piatto lascia una maggior porzione della barca sott’acqua a prua e poppa, il che aiuta a seguire le linee rette.

Quando si remano in modo efficiente su lunghe distanze, vogliamo ridurre al minimo la quantità di zigzag impressi dalla pagaia.

Quanto è lungo un kayak?

Le barche da escursionismo tendono ad avere una maggiore lunghezza rispetto a quelle da competizione. Il perché è presto detto: le imbarcazioni più lunghe hanno un maggior spazio per lo stoccaggio. Durante i tuoi tour avrai bisogno di tutto lo spazio che puoi trovare per sistemare attrezzature, cibo e riparo se sei in campeggio. A parte le esigenze di stoccaggio, una barca più lunga traccia e taglia meglio l’acqua. Questi due incidono sulla lunghezza del kayak, che raggiunge anche i 4 – 5 metri.

Cosa caratterizza un kayak da escursione?

In quasi tutti i kayak da turismo è presente una particolare struttura che impedisce all’acqua di lambire la barca in acque agitate o in caso di pioggia.

Queste imbarcazioni sono anche dotate di timone: è una piastra di metallo o di plastica che si torva attacca alla chiglia della barca. Serve a favorire il controllo direzionale. Un timone, se usato correttamente, può aiutare a correggere la deviazione causata del vento o l’errore della pagaiata.

Domande frequenti sull’escursionismo in kayak

Certo non è semplice individuare immediatamente l’imbarcazione più adatta a soddisfare le proprie esigenze di escursionismo in mare. Le domande più frequenti degli utenti, insieme all’opinione dei kayaker esperti che puoi trovare nel web, ti possono aiutare a fare un po’ più di chiarezza.

Devo prendere un kayak singolo o biposto?

I modelli a due posti non sono così comuni tra i kayak da escursione, ma se hai un bambino che vuoi portare con te, allora non puoi far altro che orientare la tua scelta a un kayak per due persone. Verifica sempre la portata massima dell’imbarcazione.

Se vuoi avventurarti tra le acque con un familiare adulto o un amico, la cosa migliore è optare per due kayak singoli. Questo eviterà un sacco di discussioni. Ovviamente se vuoi disporre di spazio extra o hai intenzione di portare con te un canoista esperto, un modello biposto potrebbe essere l’opzione migliore.

Devo indossare un giubbotto di salvataggio?

Nel rispetto della normativa, devi sempre avere a bordo un giubbotto di salvataggio o un salvagente. I bambini sono tenuti a indossarne uno in ogni momento. E anche tu, prendine uno gonfiabile e indossalo sempre, per la tua sicurezza.

Un giubbotto di questo tipo è leggero e sottile, non ti accorgerai nemmeno di averlo indosso. Un salvagente legato nella parte posteriore del kayak ti potrà essere di grande aiuto in caso di ribaltamento.

Il colore del kayak è importante?

Se hai in programma di utilizzare il kayak in uno spazio frequentato anche da barche a motore, si consiglia di optare per colori vivaci come l’arancione e il giallo in modo da poter essere più facilmente visibile.

Ci si baia quando si pagaia nel kayak?

Sì! È un fattore inevitabile, indipendentemente dal tipo di kayak che usi. Ti bagnerai un po’ meno se scegli un modello con seduta all’interno. Va da sé che devi indossare un abbigliamento kayak adeguato.

Vale la pena spendere di più per una pagaia in fibra di carbonio?

Anche in questo caso la risposta è sì. La tua pagaia in fibra di carbonio è leggera e maneggevole. Non dimenticare che la pagaia è il tuo motore: più è leggera, più è facile spostarsi e meno si fa fatica.

È meglio un kayak più lungo o più corto?

Come regola generale, un kayak più lungo è più veloce, quindi per i kayak da escursione generalmente più lungo è meglio è. Indipendentemente dalla lunghezza, la dotazione di una borsa impermeabile consente di riporre ogni cosa con ordine, facilitandone il trasporto.

Conclusioni

Trovare il giusto kayak da escursione può richiedere del tempo. Ognuno richiede un budget diverso. Inoltre, la scelta dipende dal fatto che si desideri uscire per un giorno, un fine settimana o un’intera settimana alla volta.

In questa guida abbiamo evidenziato gli aspetti da considerare in fase di acquisto: l’esperienza farà il resto.

Fra i modelli presentati, diamo una nota di merito all’Intex Explorer K2. Con i suoi sedili gonfiabili regolabili garantisce un buon livello di comfort anche nei lunghi spostamenti. Le due camere d’aria indipendenti con valvole Boston rendono più veloci le operazioni di gonfiaggio e sgonfiaggio.

Anna Fraschini
Anna Fraschini
Post sullo stesso tema
Torna su