Le 8 Migliori Scarponi da Escursionismo

Guida all'acquisto & Classifica
migliori-scarpe-da-escursionismo

Vogliamo parlare dei migliori scarponi da escursionismo che abbiamo trovato sul web, di scarpe comode, resistenti all’acqua, con suola vibram o waterproof. Scarpe con cui passare una giornata in montagna e stare bene, senza vesciche o problemi di sorta.

Le dita ferite dei piedi sono uno dei grandi problemi che possono affliggere un appassionato di alpinismo e questo può inficiare il buon esito dell’escursione. Leggeremo più di una opinione, guarderemo il prodotto più economico sul mercato tra tutti quelli che ci sembrano forti e sono disponibili nella vendita online.

Le Migliori Scarponi da Escursionismo

Qual è la migliore scarpa da escursionismo?

Le scarpe da escursionismo sono un grande dilemma per ogni appassionato che non sa mai quale paio di scarpe comprare se la scarpa da trekking bassa, da running, o quella alta fatta apposta per proteggere la caviglia. Quando fa caldo gli stivali ci sembrano una tortura.

Allora è bene pensare a delle scarpe leggere, estive, di marca o basso prezzo, con supporto alla caviglia, di pelle scamosciata in modo da restare asciutte nel minor tempo possibile.

Attenzione alla taglia, sempre meglio comprare una misura in più e scegliete tra le scarpe da montagna contro le scarpe da trail running, uno scarponcino mid leggero.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori scarponi da escursionismo:

1. Scarpe da Escursionismo Uomo Salomon XA Pro 3D Gtx

Guida all’Acquisto scarponi da escursionismo

Tipi di scarponi da trekking

Scarpe da escursionismo

Qui si parla di modelli low-cut che sono perfetti per delle escursioni giornaliere, essendo molto leggeri e molto comodi da portare. Va detto che alcuni escursionisti anche esperti stanno iniziando a credere che sia molto comodo portare scarpe da trail running anche per escursioni che durano più giorni.

Scarponi giornalieri medi

Questo è un modello medio-alto, più pesante di quello precedente, che sono progettati per un viaggio di un giorno o di qualche giorno accompagnati da uno zaino leggero. Non sono ovviamente robusti come i modelli più da montagna ma reggono botta e sono in grado di equilibrare anche il peso di una persona più bagaglio.

Scarponi alti da montagna

Questo modello è indicato per coloro che sono esperti e che amano fare viaggi fuori pista di più giorni anche con un carico bello pesante sulle spalle. Sono scarponi molto alti che proteggono la caviglia e che sono completamente impermeabili. Scarponi per uomini duri che sono abituati già a fare escursioni fuori binario.

Tipi-di-scarponi-da-trekking

Componenti di uno scarpone da escursione

Materiali

Qui vediamo di che tipo di pelle si tratti, se è materiale sintetico, quale scarpa si bagna prima e perché.

Pelle full grain

Questo tipo di pelle è perfetta per la scarpone robusto, quello per i lunghi viaggi con i lunghi carichi. E’ una superficie che praticamente non prenderà mai acqua ma è anche quella più robusta e meno comoda nei primi giorni, quindi per viaggiatori esperti.

Pelle split grain

Questa è una superficie media che media, appunto, quel tipo di pelle che è robusta ma che è in grado di rendere più comodo il viaggio anche perdendo un po’ in impermeabilità.

Pelle nabuk

Questa è una superficie trattata per diventare in pelle scamosciata, quindi resta più leggera ma al tempo stesso resta impermeabile all’acqua.

Sintetico

Qui si parla di materiali moderni come nylon o poliestere e le scarpe di cui stiamo parlando sono scarpe molto leggere, con cui si può viaggiare serenamente perché ci si abitua molto più facilmente e quindi sono più semplici da portare anche per chi non è ancora avvezzo alle escursioni.

Membrane impermeabili

Qui si parla di tessuti nuovissimi come il goretex che rende la scarpa super impermeabile e super leggera. Il migliore su piazza al momento.

Tessuto vegano

La scarpa vegana è fatta senza utilizzare nessuna parte di animali, quindi è eco-friendly al massimo.

Isolamento sintetico

Questo tipo di isolamento è in grado di rendere il prodotto isolato sia dal freddo che dal caldo.

Isolamento-sintetico

La suola intermedia nella scarpa da trekking

L’intersuola è quella che fornisce ammortizzazione, respinge i piedi dallo shock del terreno e determina in gran parte la rigidità dello scarpone. Gli stivali rigidi potrebbero non sembrare una buona cosa, ma per lunghe camminate su terreni rocciosi e sconnessi possono donare maggior comfort e stabilità. Uno stivale rigido si consuma in molto meno tempo.

EVA

Questo è un tipo di materiale che costa parecchio di meno ed è in grado di dare una certa protezione.

Poliuretano

L’intersuola fatta con questo tipo di materiale dura molto di più.

Supporti interni

Shank

Lo shank è la parte che sta tra la suola interna e quella esterna ed è in grado di reggere il peso del corpo ma al tempo stesso di restare morbido per l’impatto con il terreno.

Plate

Il plate è ancora più sottile e serve più che altro ad ammortizzare rami o sassi sotto i piedi.

Suola esterna dello scarpone

Lug Pattern

Questo tipo di pattern serve a mantenere molta aderenza con il terreno.

Heel Brake

Questo, invece, serve per non scivolare anche durante le discese più pericolose.

Compatibilità con ramponi

Se siete appassionati di alpinismo va controllata anche la compatibilità degli scarponi con i ramponi in modo tale da avere la scarpa perfetta anche sul ghiaccio.

Per cosa ti servono?

Se pianifichi di camminare in sentieri per lo più asfaltati

Allora sarà bene usare una scarpa da trail running leggera e uno zaino altrettanto leggero. Questo perché non c’è bisogno di esagerare con un sentiero ben tenuto.

Se pianifichi di includere percorsi più disastrati

Sarà bene usare uno scarpone che abbia una bella suola e che sia abbastanza alto da proteggere la nostra caviglia.

Se hai l’abitudine di andare fuori pista

Allora sarà bene comprare uno scarpone robusto che è impermeabile e ha un tipo di pelle o di sintetico in grado di asciugarsi subito.

Qual è il tuo livello di abilità?

Bisogna capire quanto sia allenato, quanti muscoli da escursione ti sia già fatto e poi da lì sarai in grado di scegliere una scarpa più o meno pesante. Se non sei abituato scegli una scarpa leggera.

9 Caratteristiche che devi considerare

Peso dello stivale

Il peso è molto importante, una scarpa pesante è molto più difficile da portare, soprattutto se non si è abituati a camminare.

Impermeabile o no?

Meglio comprare sempre una scarpa impermeabile, anche perché una pioggia può sempre arrivare all’improvviso e non è di certo giusto pensare che questa scarpa resti bagnata per tutto il tempo.

Supporto per l’arco

Il prodotto deve essere sempre, anatomicamente, attenta a quelli che sono i problemi del piede.

Protezione per lesioni

Importante che il modello abbia una struttura in grado di ammortizzare anche le ferite.

Supporto principale

Qualsiasi tipo di peso si abbia la scarpa non perde flessiblità.

Lingua a soffietto

Questa parte della scarpa serve a pulire meglio tutto lo sporco che si accumula

Rand

E’ una parte di gomma che serve a rinforzare alcune zone della scarpa.

Rivestimenti

Il migliore, al momento, per traspirabilità e leggerezza, sembra essere il Goretex.

Collo imbottito

Serve a tenere la caviglia protetta anche nei terreni più accidentati.

Come prenderti cura dei tuoi scarponi

Dobbiamo dire che lo scarpone, soprattutto quello da montagna più pesante, non è facile da portare perché è un modello che ha bisogno di essere ammorbidita parecchio prima di sembrarci confortevole in una passeggiata lunga più giorni in sentieri di montagna.

Innanzitutto va detto che quel tipo va provato, quindi soprattutto se non avete mai acquistato nulla che abbia a che fare con l’escursionismo un bel giro in un negozio per provarle di certo male non farà. Poi è anche vero che dopo quella prova lo stesso modello si può controllare sul web per capire se si può comprare a un prezzo più basso, questo è certo.

Il prodotto, però, va provato perché è molto probabile che ci sia bisogno di una misura differente da una scarpa da città, anche perché di solito il calzino da montagna è un po’ più doppio di quello di filo di scozia che usiamo tutti i giorni. E’ anche giusto mettere in chiaro che la comodità e la protezione sono due cose molto importanti, le uniche da tenere in conto.

Per quanto riguarda la comodità dobbiamo pensare che la scarpa ha bisogno di ammorbidirsi quindi va usata, anche per pochi metri al giorno, tutti i giorni prima dell’escursione. Nessuno di noi si vuole trovare con delle abrasioni o delle vesciche mentre si trova in montagna, quindi è bene abituarsi al prodotto gradualmente.

Poi si può anche pensare di scegliere una scarpa da trail running che è in pratica una scarpa da jogging un po’ più rinforzata e quindi non ha bisogno di chissà quali magheggi per essere più comoda.

Se amiamo, però, l’alpinismo allora è bene prendere uno scarpone di quelli di pelle che sono più pesanti ma anche più caldi per la neve e per la pioggia che si può sempre trovare per strada. In quel caso la scarpa va ammorbidita prima e si dovrà controllare anche se il modello sia impermeabile davvero.

Non è proprio una buona idea camminare con i piedi bagnati, al gelo. Anche perché possono esplodere vesciche e geloni che ci renderanno molto difficili continuare la camminata.

Se siete però dei corridori, allenati e felici, allora si può tranquillamente pensare di correre per i sentieri con i modelli da trail senza troppi problemi. Anche perché l’importante è che le nostre esigenze collimino con quello che vogliamo fare in montagna, dobbiamo essere felici di quello che andiamo a fare per tutto il tempo che vogliamo farlo e con lo zaino, leggero o pesante, che vogliamo portarci dietro.

Antonella Gigantino
Antonella Gigantino

Laureata in scienze della comunicazione, scrive racconti e poesie dall'età di 6 anni. Prima ha lavorato come organizzatrice di eventi, poi diventa copywriter negli ultimi 5 anni e collabora con i siti di tutto il mondo, con continuità e grande dedizione. Sogna di scrivere un film ma nel frattempo si diletta nello scrivere su qualsiasi argomento faccia venire a lei curiosità.

Torna su