Migliore bicicletta da trekking

Guida All'acquisto & Classifica
migliore-bicicletta-da-trekking

Quando si parla di migliore bicicletta da trekking noi non stiamo più parlando di mountain bike, di bicicletta da montagna o di una bicicletta pieghevole con doppia sospensione.

Qual è la migliore bicicletta da trekking?

Serve l’ammortizzazione in montagna per una buona bici e di certo non solo una bici di marca tra i modelli che si trovano in commercio o nella vendita online. L’opinione più comune consiglia non la bici più economica sul mercato ma neppure quella dal prezzo più alto o il prezzo più basso ma il miglior rapporto qualità prezzo. In montagna gli sportivi esigenti richiedono determinate caratteristiche in una bici che vedremo tra i vari modelli proposti.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori migliori biciclette:

1. Bicicletta elettrica adulti Eleglide M1

Non tutte le escursioni sono uguali, come non lo sono i giri in bici per fare shopping… Se anche tu, come noi, non perdi occasione per spostarti sulle due ruote, la cosa migliore è scegliere un modello versatile che ti offre tre modalità di utilizzo: tradizionale, servoassistito, elettrico.

Equipaggiata con una batteria rimovibile da 36 V 7,5 Ah, la bici offre un’autonomia di percorrenza pari a circa 65 chilometri in modalità assistita, consentendoti di pedalare in piena libertà.

Il motore è particolarmente efficiente ed è sviluppato con un sistema di trasmissione Shimano che ti permette di selezionare tre marce anteriormente e sette posteriormente, per un totale di ventuno velocità. 

È inoltre presente un doppio freno a disco e un ammortizzatore che assorbe efficacemente gli urti quando percorri le strade sconnesse. Il sellino è regolabile e le ruote antiscivolo da 27,5 pollici resistono all’usura. 

I fari a led sono luminosi e garantiscono una chiara visibilità durante la guida notturna.

Sul display a led è possibile visualizzare la velocità, lo stato della batteria e lo stato di modalità di crociera.

2. Bicicletta Elettrica Vivi

Ammettiamolo: non siamo tutti dei fan dei lavoretti fai da te domestici. E così quando si vorrebbe ordinare una bici online si è presi da una sorta di sconforto all’idea di doverla poi montare.

E invece, quando abbiamo aperto la confezione siamo rimasti piacevolmente sorpresi.

Abbiamo allestito la mountain bike in poche mosse, grazie anche al supporto di un video che spiega in modo chiaro e dettagliato tutti i passaggi per completare l’assemblaggio.

Ha un motore brushless da 250 W, che consente di viaggiare a una velocità massima di 25 chilometri orari. Si distingue per una corrente a vuoto particolarmente bassa e una elevata efficienza.

La batteria è agli ioni di litio  (36V e 10,4Ah) e fornisce un’autonomia fino a 40 km in modalità acceleratore e di 80 km in modalità assistita. 

Il cambio a 21 velocità si fa apprezzare per la precisione e favorisce la pedalata in salita.

I freni sono di tipo a disco e sono montati in posizione anteriore e posteriore. Gli spostamenti notturni avvengono in sicurezza grazie alla luce frontale.

3. Bicicletta Elettrica da Trekking Eleglide T1 Step-Thru

La guida sui sentieri sconnessi di montagna può mettere a dura prova la schiena, a meno che la tua due ruote non sia progettata in modo da attutire efficacemente i contraccolpi.

In questa bici ad esempio è stato introdotto un ammortizzatore in corrispondenza della forcella anteriore con blocco, a cui si affianca una sella dal design ergonomico: due soluzioni che permettono di ridurre sensibilmente le vibrazioni. 

È anche possibile cambiare l’angolazione della barra per trovare la posizione più comoda.

Monta due ruote da 27,5 pollici con pneumatici che non temono le forature. 

Il motore brushless ha una coppia di 50Nm e fornisce una potenza costante, consentendo di raggiungere una velocità massima di 25 chilometri orari. 

La batteria da 36V 12,5Ah è integrata nelle barre trasversali del telaio e può essere rimossa. Una volta completata la carica offre un’autonomia di percorrenza pari a circa cento chilometri.

Il cambio Shimano è a sette velocità e i freni a disco idraulici sono montati in posizione anteriore e posteriore. La frenata è sicura e rapida, anche in caso di terreno scivoloso. Le luci ad alta luminosità rendono ben visibili in caso di spostamenti notturni.

4. Bicicletta da trekking Bikestar

I prodotti made in Germany sono da sempre sinonimo di robustezza e affidabilità e questa bicicletta non è certo da meno.

Progettata e prodotta a Monaco di Baviera, monta dei componenti di assoluta qualità tenendo in massimo conto un aspetto di fondamentale importanza: la sicurezza.

Il telaio da 18″ è in resistente alluminio e si fa apprezzare per la sua versatilità. Dà infatti il meglio di sé non solo in montagna ma anche nella quotidianità, per andare al lavoro o a scuola.

Il cambio Shimano a catena è a 21 rapporti, che possono essere selezionati quasi senza soluzione di continuità. E sui terreni disconnessi la forcella elastica con 55 millimetri di corsa garantisce un’efficace ammortizzazione. 

Il sistema franante anteriore e posteriore è di tipo a disco meccanico; i cerchi con sezione cava favoriscono la stabilità su ogni superficie.

La struttura viene consegnata quasi completamente montata e l’assemblaggio delle rimanenti parti si rivela semplice e veloce.

5. Dakota Allcarter Bicicletta Mountain Bike

Cambia, in questo caso, l’utenza che si può interessare a questa bicicletta e ci troviamo davanti a una bici dal costo decisamente inferiore a quello relativo al modello qui sopra e che viene considerata, certamente, una bici solida, perfetta per dei bambini o degli adulti che raggiungono il metro e 80.

Meglio cambiare modello per chi è più alto e ha bisogno, quindi, anche di una bici che ha delle ruote più alte e più ampie. Ovviamente stiamo parlando di una bici con caratteristiche tecniche più comuni, che è perfetta per essere usata sia in un parco che su di una collina, che è molto bella da pedalare in una strada sterrata ma anche su quelle provinciali un po’ romantiche che costeggiano il mare, se abbiamo la fortuna di vivere in una zona vicina al mare.

Non dobbiamo pensare, però, che sia una bici che non sia in grado di fare quello che è il suo dovere perché scadente, anzi è una bici decisamente parecchio robusta. Va detto che questo tipo di robustezza non la rende molto agevole per alcuni percorsi più professionali ma la rende perfetta per quei percorsi accidentati che tanto piacciono agli appassionati del fuori pista.

6. Bici trekking Riverside 700

Impossibile resistere al richiamo della natura, in sella alla tua due ruote tra boschi verdeggianti e sentieri inesplorati.

Ma incombe un pensiero opprimente: e se si buca? Ecco come rovinare la giornata…

Non temere. Ci sono bici che ti mettono al riparo da queste seccature, grazie ai loro copertoni progettati con uno speciale rinforzo anti-foratura.

Il telaio in alluminio conferisce alla struttura una notevole leggerezza e la conformazione “a virgola” del tubo superiore ti facilita la discesa dalla sella.

Durante la guida il corpo assume una posizione a 60°, che è ideale per beneficiare di un buon livello di comfort e di manovrabilità associati a un efficace dinamismo. È comunque possibile modificarla attraverso i corni o bar-end.

La trasmissione di tipo mono-corona facilita la pedalata e la cassetta “mega range” ti aiuta ad affrontare con disinvoltura le pendenze, grazie alle sue dieci velocità.

I freni sono a disco e sono associati a delle guaine incomprimibili, in funzione di una frenata efficiente e dosata con precisione.

Completano le sue caratteristiche tecniche la catena a sgancio rapido, l’anello anti-deragliamento e il reggisella graduato in alluminio che semplifica la regolazione.

7. Bici trekking elettrica a pedalata assistita Riverside 500

Le lunghe escursioni sulle due ruote sono un vero toccasana per il benessere del corpo: si attivano i muscoli, si respira aria pura, si stimolano tutti i sensi… ma che fatica!

Tranquillo: se scegli una bici a pedalata assistita tutto sarà molto più semplice.

In base alla forza che imprimi sui pedali puoi ottenere lo sprint desiderato, con un’autonomia che va da 50 km fino a 90 km. A questo proposito segnaliamo che il veicolo è equipaggiato con una batteria agli ioni di litio 36v 11,6 Ah (418Wh) ed è presente un particolare sistema di serraggio anti-vibrazione.

Il sensore di coppia integrato favorisce movimenti fluidi e ben bilanciati.

Il telaio in alluminio 6061 è adatto sia agli uomini che alle donne: è infatti ideato con una geometria più bassa che facilita la salita e la discesa dalla sella.

I copertoni anti-foratura permettono di avventurarsi con tranquillità anche sui terreni più impegnativi.

Sul manubrio è montato un ampio display a cristalli liquidi retroilluminato, che in qualsiasi condizione di luce ottimizza la leggibilità dei dati (velocità, distanza percorsa e totale, tempo, autonomia residua e modalità).

E se desideri trasportare la bici in auto, nessun problema: puoi togliere agevolmente la ruota anteriore grazie a un sistema di sgancio rapido.

Gli accessori di serie includono campanello, luci anteriori e posteriori e catarifrangenti ruote.

Guida all'acquisto della bicicletta da trekking

Tipi di mountain bike

Tipi-di-mountain-bike

  • Biciclette da cross country
  • Trail Hardtail MTB
  • Biciclette a corta percorrenza
  • Biciclette per itinerari intermedi
  • Biciclette Enduro

Come acquistare una Mountain Bike

L’acquisto di una mountain bike è un’impresa costosa e può essere spaventosa se non si sa quello che si va a comprare.

acquistar-montagna-da-trekking

Vi spiegheremo i diversi tipi di mountain bike e per cosa sono state progettate. Una volta stabilita una categoria di bici, è necessario considerare le dimensioni delle ruote e dei pneumatici: 29 pollici, 27,5 pollici, tutti questi numeri hanno tutti punti di forza e di debolezza.

Per cosa ti serve?

E’ molto importante essere realistici sul tipo di terreno che si vuole percorrere. Determinare che tipo di percorsi si vogliano fare è importante.

Le bici da cross country sono una categoria di nicchia perché sono rigide e brutalmente efficienti ma sono troppo scomode per chi non è appassionato del genere. La gente preferisce altro ma se amate i percorsi molto scorrevoli potreste apprezzare l’assoluta efficienza di queste biciclette.

Se volete una guida giocosa o pedalare dove i sentieri hanno radici e rocce sul terreno, queste probabilmente non sono la scelta migliore. Una bici da trail, infatti, è altrettanto efficiente però con una pedalata meno difficile.

I Trail Hardtail sono un’ottima opzione se preferite uscire e pedalare forte piuttosto che attaccare, per allenamento e in maniera regolare, terreni ripidi o accidentati. Semplici, a bassa manutenzione e veloci nella pedalata, queste bici senza fronzoli non hanno la sospensione posteriore ma hanno una geometria aggressiva, più aggressiva delle bici da trail. Questi modelli sono relativamente versatili, ma richiedono una certa cautela nelle discese perché tendono ad essere un po’ difficili da guidare.

Poiché le bici da trail richiedono meno tecnologia, di solito sono meno costose delle biciclette a sospensione completa. Un prezzo più basso rende le hardtail un’opzione eccellente per ciclisti con budget limitato.

Le bici da trail a corta percorrenza sono eccellenti se si apprezza la varietà, l’arrampicata efficiente, e si vuole andare cauti nelle discese. Questo tipo di modello è pratico per chi cerca sicurezza e comfort senza sacrificare l’efficienza e sono un’ottima opzione per chi guida su terreni pianeggianti o vive in zone montuose ma non vuole spingere in maniera compulsiva nelle discese.

Le bici trail a media percorrenza sono un punto di forza della MTB perfetta per chi corre nelle discese ma valorizza comunque le capacità di arrampicata. Queste biciclette sono molto versatili e offrono prestazioni elevate in tutti i settori. Equilibrano perfettamente le capacità di arrampicata e di discesa e sono comode sulla stragrande maggioranza dei sentieri. visibile della tabella dei risultati dei test e delle valutazioni.

Le Enduro Bikes amano bombardare discese tecniche e salire con una potenza mostruosa. Sono le bici di coloro che amano i sentieri fuoristrada, sono più esperti e amano l’avventura.

Come scegliere le migliori mountain bike

migliori-mountain-bike

  • Stile di guida e terreno
  • Sospensioni e ammortizzatori
  • Dimensione ruota
  • Sistema frenante
  • Chi sta pedalando

Stile di guida e terreno

La prima considerazione riguarda come e dove si vuole andare in bicicletta. Siete alla ricerca di una bicicletta versatile in grado di gestire la maggior parte dei terreni o avete bisogno di qualcosa di specializzato per un sentiero o un’area specifica.

Molti ciclisti saranno felici con una bici da trail. Le bici da corsa possono offrire un’ampia gamma, da quelle con i telai rigidi senza sospensioni, a quelle con i profili rigidi fino a quelle che con design avanzati eccon sospensioni complete.

I motociclisti attenti al budget vorranno guardare le hardtail a prezzi accessibili, questo è chiaro.

Sospensioni e ammortizzatori

il fattore più importante per la maggior parte delle persone sarà scegliere la bici con la sospensione completa e quella con le sospensioni rigide che hanno solo sospensioni anteriori. Alcune bici hanno una caratteristica chiamata blocco delle sospensioni, che permette di disabilitare selettivamente le sospensioni durante la guida. Questo è utile per tutti coloro che vogliono guidare in collina o su salite impegnative, dove le sospensioni possono assorbire gran parte delle energie.

Dimensione ruota

Per decenni, questa non è stata una scelta, c’era un modello standard di ruota per bambini e uno per adulti. Adesso si può scegliere ed è molto più comodo.

Sistema frenante

I freni a disco sono lo standard per la mountain bike, ma c’è molta varietà in questa categoria. I freni a disco meccanici sono l’opzione più economica, ma che non funziona così bene come i più costosi freni idraulici o azionati a liquido, quindi è una scelta molto importante.

Chi sta pedalando

Quali sono le vostre esigenze? Che tipo di stile privilegiate? Queste sono domande molto importanti, che ognuno di noi dovrebbe farsi davvero prima di comprare una bici o un’altra.

Le opzioni per la costruzione di una bici

  • Telaio
  • Forcella e ammortizzatore posteriore
  • trasmissioni
  • Set ruote
  • Reggisella

Il telaio in alluminio o in carbonio è il vostro primo grande punto di decisione. La scelta di un telaio in alluminio offre notevoli risparmi sui costi. È leggermente più pesante, si flette più facilmente ed è un po’ più debole del carbonio. Se stai solo cercando di uscire in bicicletta per allenarti in maniera amatoriale, l’alluminio è fantastico. Considerate la fibra di carbonio se investire nella vostra bicicletta è una priorità, e pensate di averla per un periodo prolungato e per un allenamento vero, da atleta. La fibra di carbonio invecchia meglio dell’alluminio.

Una forcella di fascia alta e l’ammortizzatore posteriore saranno regolati sempre in base al peso, allo stile di guida e alle preferenze personali. La trasmissione, invece, bisogna capire se ha 1 o 2 ingranaggi. Due ingranaggi richiedono un deragliatore anteriore, il che significa che avrete i comandi su entrambi i lati del manubrio e ci piace di più. È più semplice, più facile da cambiare, lascia più spazio per il controllo del reggisella a contagocce, ed è più robusta.

Le ruote devono essere di qualità ma fai sempre attenzione a quanto sia largo il cerchione perché può rendere più o meno efficaci i pneumatici.

Differenze nelle bici da donna

Le biciclette specifiche per le donne sono dotate di barre e pedivelle per le selle da donna. Inoltre, di solito hanno anche ammortizzatori più leggeri rispetto ai modelli unisex.

bici-da-donna-da-trekking

La maggior parte delle mountain bike, però, sono considerate modelli unisex. Ciò che rende ogni bicicletta anche un modello da donna, questo che una donna la sta guidando o meno. Il problema di fornire modelli unisex è che queste biciclette sono predisposte per il ciclista medio.

Gli uomini, in media, pesano più delle donne e sono più alti delle donne, quindi non è giusto che ci sia un modello per tutti.

Diversi produttori di biciclette affrontano questo problema realizzando modelli specifici per le donne. Alcuni fanno un ulteriore passo avanti e si diramano in aziende specifiche per le donne.

Mettendo da parte, però, il lato modaiolo del design del telaio, troviamo che le misure e gli ammortizzatori sono gli elementi essenziali che distinguono una mountain bike da donna da un modello da uomo. In primo luogo, una bicicletta deve essere adattabile, quindi deve variare. In secondo luogo, la forcella e l’ammortizzatore devono rispondere ai piccoli impatti e utilizzare l’intera gamma a disposizione per gli impatti più grandi con i terreni accidentati.

In altre parole le donne hanno bisogno di biciclette di dimensioni più piccole con un’adeguata regolazione degli ammortizzatori. Sfortunatamente, c’è un numero limitato di biciclette disponibili che corrispondono a questa descrizione e questo dispiace molto perché le donne si stanno avvicinando molto, negli ultimi anni, alla bici e alla bici fuoristrada sull’onda di Paola Pezzo, olimpionica di mountain bike.