errori escursionismo a piedi

21 Errori Più Comuni Di Chi Comincia A Praticare Hiking

Respirare l’aria dei boschi, passeggiare su sentieri di qualche luogo sperduto in cui tutto attorno tace… l’Hiking è tutto questo e molto di più. E’armonia con la natura, relax, opportunità di fuggire dal tran tran quotidiano e possibilità di ritrovare se stessi.

Anche tu non sei riuscito a resistere al richiamo della natura? Non perderti allora i nostri suggerimenti su come rendere perfetta questa esperienza, senza incorrere in errori che potrebbero rovinare un’attività così sana e rilassante.

21 errori da evitare quando si inizia hiking:

1.Non indossare

Hai mai provato a giocare un partita di calcio senza le scarpette adatte? Tornato a casa, quando ti sei ritrovato

scarpe da hiking

coi piedi tutti doloranti, ti sarai reso conto del grave errore da te compiuto. Lo stesso principio vale per l’Hiking!

Seppur camminare sia uno dei movimenti più naturali dell’uomo, per percorrere lunghi sentieri, avrai bisogno di un paio di scarpe o dei sandali da Hiking abbastanza comode da permetterti di godere al massimo di questa esperienza.

Non dimenticare però, di acquistare in anticipo il tuo paio di scarpe e di usarle prima per attività di tutti i giorni come portare a spasso il cane o andare a fare la spesa; non vorrai mica rischiare che delle scarpe nuove e ancora troppo rigide rendano i tuoi piedi doloranti e pieni di vesciche…

2. Indossare vestiti scomodi

Tutti quanti adoriamo i Jeans: pratici, resistenti, che non passano mai di moda, vestiti da escursionema per fare hiking sono un indumento altamente sconsigliato. I jeans, infatti, non si prestano per questa attività sportiva perché limitano i movimenti e perché sono composti di cotone pesante che non riuscirebbe a ripararti sufficientemente dal freddo a cui potresti andare incontro camminando nei sentieri di montagna.

Il cotone, inoltre, non è un tessuto impermeabile e se durante l’escursione dovessi essere colto da un improvviso temporale, resteresti coi pantaloni zuppi d’acqua piovana.

I pantaloni realizzati coi materiali sintetici, invece, non assorbono liquidi e umidità e diminuiscono così il rischio di prendere una grave influenza o, addirittura, di causare una condizione molto rischiosa per il nostro organismo, l’ipotermia.

3. Non controllare le previsioni meteo poco prima di partire

Controllare le previsioni meteo quando si vuole farele previsioni meteo Hiking potrebbe sembrare un consiglio ovvio, ma uno degli errori più comuni in cui incappano i principianti è proprio questo.

Se state pianificando l’escursione, non è sufficiente assicurarsi qualche giorno prima che il tempo non porti pioggia; e’ meglio restare aggiornati sui cambiamenti climatici e valutare fino all’ultimo momento se è il caso di partire.

Per non perderti nessun aggiornamento potresti ponderare l’acquisto di un orologio da hiking che possa fornirti tutte le informazioni necessarie sul meteo.

Ok, magari potresti trovare eccitante l’idea di fare Hiking con la pioggia, ma è sicuramente meglio sapere in anticipo cosa la giornata abbia in serbo per te in modo da equipaggiarti al meglio per ogni evenienza portando con te, ad esempio, delle scarpe impermeabili da hiking.

4. Non comprare tutto il necessario per l’hiking in un negozio specializzato

Come si evince da ciò che è stato detto finora, l’attrezzatura tecnica è negozio specializzato escursioneessenziale per non trasformare la tua passeggiata naturalistica in un incubo. Coloro che vogliono acquistare tutto il necessario per escursione, potrebbero essere tentati di risparmiare tempo e denaro raggiungendo il supermercato più vicino per approfittare delle promozioni che spesso propone.

Attenzione però, se è pur vero che i prezzi sono competitivi e allettanti, è altrettanto vero che un supermercato non è il posto migliore per comprare dell’equipaggiamento tecnico. Scarpe, pantaloni, occhiali da sole per hiking sono ormai facilmente reperibili ovunque, ma in un supermercato non avrai a disposizione un venditore preparato e in grado di darti i giusti consigli prima di spendere il tuo denaro.

5. Viaggiare troppo leggeri

L’Hiking prevede km e km di camminata su alture e terreni scoscesi e ciò potrebbe indurti a portare con te il minimo indispensabile per non rischiare di affaticarti ulteriormente.

L’idea di fondo è corretta; andare in lungo e in largo con uno zaino troppo pesante limiterebbe i tuoi movimenti e potresti non godere a pieno dell’esperienza, ma dovresti essere pronto a qualunque evenienza per essere sicuro di non mettere a rischio la tua salute. Non dimenticare, a tal proposito, di portare con te anche una bussola che potrebbe tornarti utile nel caso in cui ti smarrissi.

6. Dimenticare un kit di primo soccorso

Come è possibile ritenersi pronto a fronteggiare qualunque difficoltà dispositivo per le emergenzesenza portare con sé un kit di primo soccorso? Ibuprofene, garze, una soluzione disinfettante sono solo alcuni esempi di medicamenti che potrebbero tornarti utili durante l’escursione. L’ideale sarebbe concordare la ripartizione dei vari medicinali col resto del gruppo di viaggio così da non rischiare di trovarsi impreparati qualora ce ne fosse bisogno, senza appesantire però lo zaino.

7. Non portare con sé tutto il necessario per dormire

Sul mercato, ormai, puoi trovare sacchi a pelo di tutte le forme e dimensioni che si adattano facilmente alla capienza della tua borsa. Come per l’abbigliamento tecnico, assicurati che il materiale con cui è realizzato sia adeguato alle temperature e alle condizioni meteo del luogo dove andrai a campeggiare. Anche se nelle stagioni più calde puoi fare Hiking indossando solo una T-shirt e un giacchino leggero, durante le notti estive le temperature potrebbero scendere improvvisamente e potresti restare stupito di quanto freddo fa al calar del sole…

8. Non avere acqua a sufficienza

Lo stesso motivo che potrebbe indurti a non avere con te tutto il necessario per l’escursione, potrebbe spingerti a risparmiare anche sulle tue riserve d’acqua. E’ vero, le bottiglie d’acqua sono pesanti da trasportare e occupano spazio, ma come si può pensare di intraprendere un’attività sportiva senza la giusta idratazione?

9. Non portare degli spuntini da consumare durante il giorno

Con tutta questa attività fisica sicuramente avrai bisogno di ricaricaremuffins le tue energie e, per far ciò, non c’è nulla di meglio che avere a disposizione degli spuntini salutari e sazianti. Frutta secca, barrette energetiche e i mix di frutta disidratata sono l’ideale per tenere a bada la fame senza appesantirti e sono facili da portare con sé durante l’escursione.

10. Non fare una buona colazione

Ok, adesso hai messo in borsa tutto il necessario per goderti a pieno la tua passeggiata. Ma per affrontare una giornata così impegnativa non basteranno dei sani spuntini da portare con te. Non dimenticare di uscire di casa solo dopo aver fatto una colazione completa, leggera ma appagante affinché tu possa cominciare la giornata col piede giusto.

11. Uscire troppo tardi di casa

Il momento ideale per andare a fare Hiking è alle prime luci del mattino; in questo momento della giornata infatti, le temperature sono più tollerabili, sopratutto se sei intenzionato intraprendere l’attività durante le vacanze estive, nei mesi più caldi. Sia delle condizioni meteo favorevoli, sia avere l’intero giornata a disposizione ti permetteranno di trascorrere al meglio il tuo tempo e ti aiuteranno a sostenere un ritmo costante.

12. Partire da solo

Anche se l’idea di ritrovarti a tu per tu con la natura potrebbe hiking solosuonarti come un’opportunità da vivere solo, se sei un principiante dell’Hiking, non è assolutamente raccomandabile partire senza un compagno che possa soccorrerti in caso di difficoltà. E poi, parliamoci chiaro: cosa c’è di meglio che avere un amico con cui chiacchierare durante la scalata?

13. Non scegliere il giusto accompagnatore

Come appena detto, partire da soli è da evitare quando si è alle prime armi. Ma partire con un amico non rappresenta solo un modo per distrarsi dall’affaticamento dell’Hiking o un modo per fronteggiare le insidie che la natura potrebbe serbare per te; un compagno con una maggiore esperienza potrebbe infatti fornirti consigli e trucchetti per diventare rapidamente autonomo così da porter ben presto ritagliare uno spazio tutto tuo a contatto con la natura.

14. Non dire ai tuoi cari dove hai intenzione di andare

Non so se hai visto il film 127 ore. Se non dovessi averlo visto ti uomo muscolosoriassumo brevemente ciò di cui tratta, se invece l’hai visto quello che segue ti vale come ripasso.

*Spoiler in arrivo!

Il film tratta la storia di un uomo con la passione per l’Hiking e l’arrampicata. Un giorno decide di partire senza fare sapere a nessuno dove sta andando ed è proprio per questo che la sua esperienza si trasforma ben presto in un incubo.

Mentre sta scalando un parapendio rimane infatti bloccato tra delle rocce e, quando dopo 127 ore si rende conto che nessuno verrà in suo soccorso, è costretto ad amputarsi il braccio con un coltellino svizzero pur di liberarsi.

Non perdere anche tu un braccio! Lascia che almeno un paio di persone sappiano dove hai intenzione di andare in modo che una squadra di ricerca possa eventualmente sapere dove venirti a cercare in una situazione d’emergenza.

15. Abbandonare il percorso

Non ci sono tanti giri di parole da fare: Stai su i percorsi adibiti per l’Hiking.

Far sapere in anticipo dove andrai non è sufficiente per sentirti al sicuro; l’unico modo per non rischiare di perderti è svolgere l’attività sui percorsi tracciati e l’unico modo per fare pratica. Hai forse voglia di mettere a repentaglio la tua vita?

16. Partire anche se non si è al top della forma fisica

Hai organizzato ogni minimo particolare, hai preparato tutta l’attrezzatura e l’appuntamento coi tuoi amici è stato già fissato per le 7 di Sabato mattina. Il Venerdì sera però torni da lavoro particolarmente stanco, con un cerchio alla testa e ti alzi l’indomani coi tipici sintomi influenzali.

Non ignorare questi segni, potrebbero essere il campanellino d’allarme che è in arrivo qualcosa di più grave che rovinerebbe la tua escursione e la tua salute! Un raffreddore potrebbe facilmente trasformarsi in un’infezione all’orecchio, che potrebbe provocare disturbi dell’equilibrio e risultare fatale nel caso in cui il percorso preveda un tratto impervio, sospeso su un precipizio. Probabilmente starai pensando che tutto ciò è un po’ esagerato, ma mi chiedo perché rischiare…

17. Non fare stretching prima di mettersi in cammino

Come ogni attività sportiva, anche quando si pratica Hiking è consigliabile fare un po’ di riscaldamento prima di cominciare. Durante l’attività fisica è facile incorrere in lesioni o strappi muscolari se non si è fatto prima un po’ di stretching per attivare la muscolatura di tutto il corpo.

18. Cucinare dentro la tenda da campeggio

Sei appena tornato da un percorso piuttosto lungo,Cucinare dentro la tenda da campeggio sei stanco, fuori sta piovendo a dirotto e non hai alcuna voglia di inzupparti ancora d’acqua piovana per preparare la cena. Potresti quindi essere tentato di accendere il fuoco all’interno della tenda, ma stai sicuro che il guadagno che ne trarresti non vale quanto le conseguenza a cui potresti andare incontro.

Oltre al rischio di bruciare la tenda, cucinare in un luogo così ristretto e poco arieggiato potrebbe mettere a rischio la tua salute per i fumi di monossido di carbonio sprigionati dal fuoco. Molto meglio preparare la tua cena all’aperto, no?

19. Dare da mangiare agli animali selvatici!

Hai seguito il consiglio precedente e hai optato per preparare la cena sotto il cielo stellato ma, proprio quando stai per dare il primo boccone, ecco che dagli alberi spunta un dolcissimo esemplare di cervo che sembra uscito dal film “Bambi”. Il profumo del tuo hamburger, a quanto pare, non ha aperto solamente il tuo stomaco, ma anche quello della creaturina che adesso sembra guardarti con occhioni languidi. Non cedere alla sua richiesta! Quando infatti un animale selvatico trova un nuovo posto dove procurarsi del cibo, chiama spesso a raccolta i suoi simili, per far nutrire anche loro, e tu diventeresti il nemico da eliminare per avere libero accesso alla dispensa.

20.Non essere mentalmente presente

Niente smartphone, niente internet, niente social. Le uniche app ammesse sono quelle ideate per l’Hiking, che possano fornirti delle informazioni utili per l’escursione.

21. E infine un consiglio…Divertiti!

Praticando l’Hiking è facile dimenticare che l’obiettivo principale di questo sport non è raggiungere un luogo specifico ma godersi l’intero percorso. Durante il percorso lasciati incantare dai paesaggi mozzafiato che ti circondano, prenditi il tempo adeguato per goderti l’esperienza ma sopratutto….divertiti!

divertiti

Torna su