un uomo in piedi in cima alla montagna

11 Consigli Per Prevenire Le Vesciche Ai Piedi Durante Le Escursioni

Che tu sia un escursionista che parte per la prima volta per il suo sentiero di escursione o che tu sia un esperto con le scarpe da trekking o con le scarpe antiscivolo nuove tu abituati a quei nuovi stivali il prima possibile. Compra dei buoni calzini da trekking, poi zaino in spalla e via verso le tue avventure in collina o in montagna che siano e in qualsiasi stagione dell’anno ci si trovi.

Perché gli escursionisti hanno sempre le vesciche?

Perchè si formano le vesciche?

Le vesciche si formano quando la pelle viene irritata o danneggiata dalla pressione o dall’attrito creato da scarpe o calzini che non sono adatti ai nostri piedi. Questo potrebbe provenire, infatti, da punti che sono decisamente stretti nelle scarpe da trekking o dalle pieghette che si creano nei calzini che, casomai, sono troppo larghi e scendono.

trekking

Sarai anche più esposto alle vesciche se i tuoi piedi sono bagnati, o dal sudore o dalla pioggia o  se hai attraversato un ruscello. Il mio problema principale, invece, è che i miei piedi diventano troppo sudati nelle escursioni

Prenditi cura dei tuoi piedi durante le escursioni, questo ogni volta, con i tuoi scarponi impermeabili o le tue scarpe da running e il tuo kit di pronto soccorso.Tu prenditi cura, infatti, di quelli che sono i tuoi elementi essenziali per le escursioni.

Come prevenire le vesciche durante le escursioni

1. Indossa scarpe da trekking che si adattano bene al tuo piede

Se i tuoi stivali non si adattano o non si modellano per il tuo piede, è probabile che tu possa, da subito, soffrire di vesciche. Prenditi tutto il tempo che ti serve quando devi acquistare un paio di scarpe da trekking e fai in modo di provarne il più possibile.

Infatti devi sempre assicurarti che i tuoi piedi si distendano perfettamente e che abbiano spazio per farlo anche perché in una situazione differente, con le dita accartocciate, è più probabile che si creino le vesciche.

un-uomo-in-piedi

Anche comprare scarpe che siano della tua misura è molto importante e misura quanto siano grandi o piccole per il tuo piede camminando su una rampa inclinata (i migliori negozi specializzati dovrebbero averla). Quando si cammina in salita, infatti, i talloni dovrebbero rimanere nello stesso punto della scarpa.

Se le scarpe sono troppo grandi il tallone tende a scivolare. In discesa, invece, bisogna scoprire se le dita dei piedi vanno a finire contro la parte anteriore della scarpa. Se urtano contro quella parte allora gli scarponi sono troppo piccoli.

2. Scegli le calzature giuste

Per evitare di avere vesciche devi tenere i piedi asciutti. Questo significa che gli scarponi da trekking dovrebbero essere fatti in modo da non far sudare troppo i piedi ma dovrebbero anche essere piuttosto impermeabili quando si sguazza nelle pozzanghere o si attraversano dei ruscelli.

calzature-da-trekking

Gli scarponi impermeabili sono perfetti per tenere lontani l’acqua ma solo se all’interno c’è una membrana traspirante come il Gore Tex che cerca di mantenere i tuoi piedi il meno umidi possibili (non riuscendoci sempre). Anche il mesh è un tessuto tridimensionale che serve a tenere i piedi freschi.

Anche il mesh, però, non va bene perché i piedi, al contrario, diventano troppo secchi. Allora secondo me la soluzione migliore è indossare delle scarpe da trekking che sono impermeabili per un clima più freddo e delle scarpe più leggere e traspiranti quando fa più caldo.

3. Impara come allacciare i tuoi stivali

Allacciare i tuoi stivali non è così semplice come legare un nodo di una corda, anzi.

Esistono in realtà diverse tecniche di allacciatura che è possibile utilizzare per alleviare diversi tipi di problemi durante la camminata e anche per prevenire le odiate vesciche durante le escursioni.

Ci sono alcuni siti che ci insegnano proprio come allacciare questo tipo di scarpa o di certo si può chiedere aiuto in un negozio specializzato.
Impara-come-allacciare-i-tuoi-stivali

4. Indossa calze di lana o sintetiche

Le calze da trekking sono studiate per non far emergere umidità, per asciugarsi rapidamente, per attutire le difformità del terreno e per evitare sfregamenti con la scarpa. Se vuoi evitare le vesciche devi comprarne un po’ e devono essere dei buoni calzini, cioè in lana merino o in materiale sintetico.

calze-di-lana

Ci sono anche delle calze che sono di lana e sintetico insieme che sono molto più performanti delle calze di sola lana che io trovo che non durino tanto e anche dei calzini sintetici che dopo un po’ puzzano sempre.

Qualsiasi cosa tu scelga non scegliere mai il cotone che assorbe umidità senza traspirare, quindi le vesciche sono già belle e servite.

5. Assicurati di calzare i calzini nella maniera giusta

Nessuno di noi vuole che i calzini si accartoccino o scivolino dentro gli scarponi. Questo può causare irritazioni alla pelle e anche delle vesciche. Controlla la confezione e vedi se hai preso la misura giusta.

Se la misura non è proprio un numero preciso prova tutte e due le misure per vedere quale ti sta meglio. Ultimo consiglio che sembra stupido ma non lo è: se lo scarpone è bello alto non usare calzini che siano più bassi del bordo della scarpa.

6. Scegli calzini del giusto spessore

Va detto che si deve seguire la stagione in cui ci si trova, quindi anche i calzini devono essere più sottili per la stagione calda e più spessi durante la stagione fredda. Ricordati che se vuoi evitare i piedi sudati devi saper scegliere i tuoi calzini e devi stare attento alla temperatura anche durante la giornata.

calzini-del-giusto-spessore

Portati un paio di calzini di spessori diversi durante la giornata, appunto: può capitare, infatti, che la mattina faccia più freddo e che quindi servano dei calzini più spessi, invece poi durante il giorno la temperatura si alzi e si abbia bisogno di calzini con uno spessore più sottile così che il piede non sudi e non si formino le vesciche.

7. Considera di acquistare i calzini con le dita dei piedi

Lo so che forse non ti fanno impazzire dal punto di vista estetico ma i calzini con le dita dei piedi hanno due caratteristiche molto importanti: la prima è che hanno maggiore aderenza con la superficie con cui sono a contatto, la seconda è che sono aderenti in modo naturale al piede e quindi non permettono la creazione delle vesciche perché non ci sono punti vuoti.

Che significa che non ci sono punti vuoti? Non ci sono spazi nel calzino in cui si può formare umidità seguendo la linea del dito del piede e quindi calza come un secondo piede di tessuto sintetico, in perfetta aderenza.

8. Asciuga i tuoi piedi

Se fai una pausa durante la passeggiata togli le tue scarpe da trekking e i tuoi calzini per lasciare i tuoi piedi all’aria aperta.

E’ molto importante anche che allarghi i tuoi calzini al sole, togli le possibili solette dalle scarpe così che il sudore accumulato evapori. Se porti con te dei sandali su cui far riposare i tuoi piedi mentre scarponi e calzini prendono aria farai una grande scelta.

Non ti interessare del peso maggiore del tuo zaino, serve a moltissimo questo break, quindi fidati del consiglio e stai sereno.

Asciuga-i-tuoi-piedi

9. Mantieni piedi e scarponi puliti

Gli escursioni, di solito, attraversano pozzanghere e scalciano terra e sabbia mentre camminano quindi avere piedi sporchi e pieni di fango è una parte normalissima di questo sport.

Ma quello sporco può strofinare peggio scarpa e piede e causare le vesciche. Pulisci, quindi, spesso, lo sporco sulle scarpe e sui piedi e assicurati di fermarti ogni tanto e di controllare anche le dita dei piedi e la pianta.

Quando arrivi in una radura per il riposo tira fuori una salviettina di quelle imbevute per i neonati e datti una bella pulita. Prenditi sempre il tuo tempo per fare questa operazione, ne perderai certamente di prezioso se dovessero uscire le vesciche, te lo assicuro.

10. Indossa delle ghette tecniche

Se stai camminando e hai voglia di tenere i tuoi piedi e le tue scarpe pulite indossa delle ghette tecniche impermeabili così che potrai tenere lo sporco fuori da piedi e scarpe. Sia che tu stia camminando su una spiaggia sia che tu stia sguazzando tra le pozzanghere questa è una soluzione per tenere i piedi asciutti.

Ovviamente ci sono ghette estive e ghette invernali, quindi informati on line per trovare quelle giuste per la stagione in cui decidi di fare le tue passeggiate.

11. Cura subito le tue irritazioni

Se mentre cammini inizi a provare fastidio quel fastidio si trasformerà facilmente in una vescica. Allora non perdere tempo, fermati subito, togliti le scarpe e curalo con attenzione. Se è solo un’irritazione allora puoi usare subito un cerotto e nel frattempo pulire piedi e scarpe dallo sporco accumulato.

Non pensare che sia una perdita di tempo, ricordati sempre del dolore delle vesciche e che è sempre bene fermarsi alle prime avvisaglie invece di soffrire dopo per un tempo infinito.

Non mi piace chi non si prende cura del proprio corpo nel momento in cui accade qualcosa.

Tutti siamo bravi a lamentarci poi ma nessuno si prende la briga di controllare, nel momento stesso in cui accade qualcosa, il proprio corpo. Questa non è una gara, noi dobbiamo stare bene per godere della bellezza di queste escursioni e quindi è importante sentirsi bene.

E tu cosa fai per stare bene durante le escursioni? Hai calzini e scarponi giusti per quella stagione? Controlla sempre la tua attrezzatura e datti dei tempi felici per stare sereno.

Torna su