Come-Personalizzare-Un-Kayak-Da-Pesca.

Come Personalizzare Un Kayak Da Pesca

Avete voglia di comprare un kayak sit on top? Sarà bene pensare di trovare un kayak specifico per la pesca e portarsi dietro tutta l’attrezzatura di cui abbiamo bisogno grazie a uno scafo predisposto per la pesca.

Ma si può anche lavorare su uno scafo normale, scegliendo un kayak per tutti ma con buone capacità di stabilità e poi comprare o creare tutti gli elementi che ci servono in una giornata di pesca.

Il-migliore-dei-kayak-per-la-pesca

Il migliore dei kayak per la pesca

Se sei pronto a portare fuori per un giro il tuo kayak dobbiamo anche capire quanto tu ne sappia di un kayak e di quello che devi portarti dietro per portare a casa una buona giornata di pesca.

Cosa dobbiamo portarci dietro come attrezzatura? Certamente ci vuole una buona volontà per trovare il modo migliore, un po’ di ingegno e un po’ di informazioni che saremo molto felici di darti.

Sia che tu abbia un kayak specifico per pescare o un normale kayak sit-on-top ci sono un bel po’ di personalizzazioni per kayak da pesca da fare per rendere quella che è la tua giornata in acqua davvero produttive. Siamo qui per indicarti la giusta direzione per le tue attrezzature e alla fine di questo articolo sarai in grado di modificare il tuo kayak per un’ottima giornata di pesca.

Scegli il tuo kayak

Ci sono un bel po’ di modelli di kayak diversi ma per rendere più ficcante il mio intento facciamo finta che ci siano solo due modelli: i kayak che sono specifici per la pesca e quelli normali, quelli semplici.

Un kayak per la pesca è una barca specifica in cui incorporare quello che è lo stoccaggio degli attrezzi da pesca. Infatti ha già il portacanne e ha dei requisiti più interessanti rispetto alla stabilità dello scafo.

Ovviamente se possiedi già un kayak o se non hai voglia di spendere soldi in più per un kayak fatto apposta per la pesca possiamo aiutarti noi a modificare il tuo kayak rendendolo perfetto anche per la pesca con le opportune modifiche (kayak mods), appunto .

E ti posso assicurare che non ci vuole poi così tanto, ci vuole solo un po’ di conoscenza in più.

L’importante, per far sì che questa operazione abbia senso, sarà quella di utilizzare un kayak sit-on-top. La pesca in generale ti fa avere a che fare con delle forze esterne che ci spingono a dei movimenti bruschi e il rischio di ribaltamento c’è sempre.

Ma mentre per un kayak sit-in il rischio è altissimo, un kayak sit-on-top non affonda ed è facile da modificare.

Inizia la modifica

Ovviamente ti aiuteremo a trovare degli oggetti di cui avrai bisogno per attrezzare la tua imbarcazione per la pesca. Avrai tutta la possibilità di comprare ognuno di questi elementi e se sei un tipo esigente qualcosa potrai modificarla tu con le tue mani, così sarà ancora più personalizzato.

Crea un cestello da pesca

Gli Inuit, gli Yupik e gli Aulet sono dei popoli artici che per primi hanno usato il kayak. Circa 4000 anni fa usavano lo stesso tipo di kayak, più o meno, coperto di pelli di animali, per cacciare e pescare, per la propria sopravvivenza.

Negli anni successivi, fino ai giorni nostri, i kayak sono diventati molto popolari in tutto il mondo, soprattutto se sono usati per scopi ricreativi ma negli ultimi 5 anni sono molto usati anche per la pesca.

I pescatori trovano molto comodo usare il kayak per pescare e, ovviamente, se il modello non è fatto apposta per la pesca i pescatori stessi si sono ingegnati con la creatività.

Un cestello di plastica o di legno da fissare sulla parte posteriore, quella dietro al sedile di un kayak sit-on-top, può essere l’idea definitiva.

Quelli che sono i tubi in pvc che si trovano sul retro del cestello possono essere usati come portacanne. Tu stesso puoi creare il tuo cestello per il kayak lavorando su un cestello comprato in negozio e che serve anche per altro o puoi comprare una cesta per la pesca in un negozio specializzato.

Va detto che, negli ultimi anni, i kayak sit-on-top sono costruiti con delle guide che servono a inserire con maggiore facilità il possibile cestello da pesca.

Crea-un-cestello-da-pesca

Compra un ecoscandaglio per la pesca

Quando si va fuori a pescare si dovrebbe sempre pensare a un modo per far sì che tutti i nostri sforzi non siano solo un buco nell’acqua ma che si vada in un posto in cui sia possibile pescare e pescare alla grande.

Allora un ottimo ecoscandaglio da kayak, e come abbiamo visto sul web tra i siti specializzati può essere il Garmin Striker 4, è un apparecchio che è in grado di guardare parecchio in profondità per capire se e dove ci sono i pesci. Alcuni di questi ecoscandagli si possono inserire direttamente sul telefonino, grazie ad alcune app.

In questo modo i risultati e lo scandaglio si farà tramite il gps del telefono, quindi in maniera ancora più semplice.

Porta un carrello di ancoraggio

Quando l’ecoscandaglio che ti sei portato dietro inizia a diventare interessante e ti dice che in quel punto c’è un grosso banco di pesci ad aspettarti allora sarebbe bene parcheggiare il kayak e restare lì a pescare.

Ma sfortunatamente fermare un kayak non è affatto una cosa semplice. Allora sarà il caso di guardare, on line o in un negozio specializzato, quelle che sono le migliori ancore per kayak.

Poi dovremmo pensare di portarci dietro un carrello di ancoraggio che è una specie di prolunga dell’ancora. Questo carrello permette di cambiare angolo al kayak rispetto a dove abbiamo posizionato l’ancora.

Sul web sarà facile trovare le migliori ancore per kayak a ottimi prezzi.

Se ci sono le onde alte o se c’è parecchio vento il kayak potrebbe ribaltarsi. Con il carrello di ancoraggio questa cosa diventa più difficile e diventa più facile anche continuare a lanciare l’amo senza paura di sbagliare i movimenti.

Inizia a pescare

kayak-da-pesca-2

  • Esche artificiali

Quando abbiamo a che fare con le esche non dobbiamo essere disordinati perché essere disordinati significa trovarsi facilmente nel caos, soprattutto se si è senza esperienza. Bisogna organizzarsi con le esche, quindi comprare una buona scatola per metterci dentro l’attrezzatura o una borsa di quelle per la pesca è un must have per chiunque, anche per un neofita.

Qualcuno si trova meglio mettendo le esche in dei comparti trasparenti o in una sorta di schedario. L’importante è non averle tutte confuse, non farebbe altro che farci perdere un sacco di tempo. Assicurati anche di avere le esche a portata di mano, o nella parte superiore o in quella anteriore della borsa da pesca.

  • Esche vive

Se pensi di usare delle esche vive cerca un kayak che abbia uno spazio in cui inserire una specie di pozzetto o un secchio per le esche. Ma ci deve essere sempre acqua fresca e salata per mantenere le esche vive.

Se invece hai intenzione di usare esche morte a pezzetti ti serve una tavola per le esche che non è altro che un tagliere di plastica, una piattaforma su cui poter lavorare.

  • Mantieni la presa

Utilizza una presa per il pesce che ti permetta di tenerlo fermo anche dopo avergli tolto il gancio dalla bocca in maniera delicata. La presa migliore è quella che pesa anche il pesce, così che saprai subito quanto sia pesante la tua preda.

  • In silenzio

I pesci sono in grado di percepire anche le minime vibrazioni. I pescatori esperti usano delle pasticche che formano una schiuma intorno al kayak per attutire qualsiasi tipo di rumore i pesci possano percepire. Sono molto comode, davvero incredibili.

Il motore

Puoi pensare di comprare un motore per il tuo kayak, anche se di solito il kayak si usa con la pagaia, quindi con la forza delle nostre braccia.

Si può pensare però di comprare un piccolo motore, molto leggero, o un sistema a pedali, come se fossero due pinne attaccate al fondo del tuo kayak.

Il-motore

Sicurezza

Affidati sempre a un guinzaglio per far sì che il tuo kayak non vada alla deriva e fai in modo che tu abbia sempre il giubbotto di salvataggio dietro così che tu sia sempre sicuro di non affondare anche se un’onda anomala o troppo vento possono far ribaltare il kayak.

Anche in questo caso cercare on line ci darà la possibilità di trovare il giubbotto di salvataggio migliore per kayak.

Ricordo ancora di comprare il kayak giusto e di non affidarsi a kayak che non sono fatti per restare stabili a lungo.

La pesca è uno sport che dura ore e che ha bisogno di un giaciglio tranquillo e stabile. Qui parliamo di un’imbarcazione piccola che deve resistere alle correnti, quindi scegliamo il modello più sicuro anche se costa un po’ di più.

Quando mi hanno chiesto di parlare di kayak da pesca ovviamente mi sono informata e non posso che essere soddisfatta di tutto ciò che si può trovare sia nei negozi specializzati che sul web.

D’altronde stiamo parlando di pesca e ci sono milioni di appassionati in tutto il mondo. Bisogna solo essere in grado di comprare un’imbarcazione che ci possa dare la stabilità che cerchiamo e poi personalizzarla ed attrezzare come meglio vogliamo.

Oltretutto dobbiamo essere in grado di scegliere quello che davvero ci serve, non c’è nulla di meglio di fare delle ricerche in precedenza o chiedere a un esperto quello che più ci serve per una giornata di pesca prolifica. Ovviamente l’uso dell’ecoscandaglio fa in modo che la giornata non sia infruttuosa.

Ho sempre creduto che la tecnologia debba servire a questo cioè ad alleggerirci da altri pensieri e darci una mano concreta per migliorare la nostra vita. Un gps che ci mostri dove si trovano i pesci è una mano enorme anche per chi si approccia da pochissimo tempo alla pesca.

Post sullo stesso tema
Torna su