Come cucinare in campeggio facilmente

Monica Sandri

Una vacanza in campeggio è sinonimo di libertà e divertimento e il momento dei pasti non fa eccezione a questa regola.

La cucina in campeggio può essere un aspetto molto divertente della tua vacanza, a patto però di avere una buona organizzazione e soprattutto l’attrezzatura adatta.

Per non far sì che il momento del pasto si trasformi in un vero incubo e rovini irrimediabilmente le tue ferie devi avere le IDEE MOLTO CHIARE.

Nel nostro articolo troverai tanti consigli utili e suggerimenti pratici e imparerai come cucinare in campeggio per goderti in pieno relax la tua vacanza.

Come cucinare in campeggio 

Vuoi cimentarti a cucinare in camper o in campeggio?

Se sei un campeggiatore alle prime armi preparare molti pasti in anticipo a casa è sicuramente una buona soluzione. Che tu sia esperto o neofita, in ogni caso dovrai prevedere:

  • cosa cucinare e quale cibo portarti
  • come organizzare piatti e cene veloci e non elaborate
  • come attrezzare la tua cucina da campo
  • quali piatti e stoviglie da campeggio è indispensabile avere con te
  • quale metodo di cottura utilizzare, come un semplice falò, un fornetto, una cucina a gas
  • gli accorgimenti e il necessario per muoverti in sicurezza nella tua cucina da campeggio
  • tutto quanto occorre per pulire dopo aver cucinato e mangiato, tipo detersivi, igienizzanti, spugne, salviette, eccetera

per farti un’idea, ecco qui un video con tre soluzioni per cucinare in campeggio in tre situazioni di viaggio diverse.

1. La preparazione della cucina da campeggio

cucina-da-campeggio

  • Sei proprio sicuro di voler cucinare?

Se un viaggio in campeggio ti sembra già abbastanza impegnativo così com’è, tra la paura di dimenticare qualcosa, la necessità di proteggersi dalle zanzare e la preparazione dell’alloggio dove passare la notte, potresti non aver nessun desiderio di cimentarti ANCHE ai fornelli!

Tuttavia non è sempre facile trovare un ristorante e diciamo la verità, è anche poco economico!

in questo caso ti vengono in aiuto quei cibi che si conservano bene anche fuori dal frigorifero e che non necessitano di grandi cotture o preparazioni elaborate, come i formaggi a pasta dura, i salumi, la frutta secca.

Oppure puoi portare con te una borsa termica per conservare ad esempio la frutta fresca o lo yogurt o i formaggi.

inizia quindi a pensare a come organizzare ugualmente i tuoi pasti mangiando ugualmente bene ma SENZA dover per forza cucinare chissà quale piatto elaborato!

  • Parola d’ordine: SEMPLICITA’

Cucina pasti semplici e soprattutto RILASSATI sei in vacanza!

Non hai a tua disposizione una vera e propria cucina come a casa e soprattutto non hai bisogno di stupire nessuno con manicaretti elaborati.

Tieni presente i limiti di dover cucinare all’aperto e semplicemente riadegua le tue aspettative!

UN SEMPLICE PASTO ben cucinato verrà comunque apprezzato e non ti farà perdere troppo tempo ed energie.

  • Gioca d’anticipo e prepara prima a casa tutto quello che è possibile

Ad esempio puoi tagliare le verdure a casa, in modo da averle già pronte una volta in campeggio. Oppure puoi preparare una pasta fredda o delle insalate di verdure e carne, o ancora della frittata da conservare in un apposito contenitore.

Per cucinare non serve portare con te troppe pentole. Una buona padella può essere sufficiente per preparare diversi piatti.

Cerca quindi di razionalizzare e avere con te il minimo indispensabile, per una questione di peso e di spazio.

  • Prevedi sempre uno spazio per conservare al fresco i tuoi cibi

Avrai certamente tra la tua attrezzatura da camping una borsa termica o comunque uno spazio dedicato ai prodotti che necessitano di essere conservati al fresco.

Puoi sfruttare al meglio questo spazio CONGELANDO ad esempio tagli di cibo come carne o pane, che serviranno anche a mantenere fresca la temperatura della borsa frigo e che lascerai scongelare poi naturalmente al momento di essere consumati.

Oppure puoi mettere nella borsa frigo bottiglie d’acqua congelate, così oltre ad avere il frigo sempre freddo avrai anche una bottiglia di acqua fredda in più a disposizione.

Se vuoi essere sicuro di aver sempre sotto controllo la temperatura del tuo frigorifero ti suggeriamo di mettere al suo interno un semplice termometro, per evitare brutte sorprese come cibo andato a male.

2. Gli elementi essenziali della cucina in campeggio

elementi-essenziali-della-cucina-in-campeggio

Cosa ti serve per cucinare in campeggio?

L’ABC per iniziare a cucinare in campeggio è costituito da 3 semplici elementi: fuoco, cibo e pentole. Vediamo insieme in dettaglio come procedere:

  • La cucina è il centro della casa e questa regola non fa eccezione nemmeno in campeggio! Come organizzarti il tuo fuoco da campo è fondamentale e qui si aprono varie opzioni.

Se vuoi cucinare sul fuoco all’aperto o sulla brace, ricorda che non avrai lo stesso controllo della fiamma che puoi avere a casa nel barbecue del tuo giardino.

Ci sono alcune condizioni esterne che potrebbero influire e complicarti la vita in questo senso, tipo il tempo umido che può rendere difficile accendere il fuoco – o la mancanza di legna.

In alcuni parchi si può raccogliere la legna, ma ti conviene sempre INFORMARTI BENE PRIMA DI PARTIRE e portarti eventualmente la tua legna da casa per non avere brutte sorprese all’ultimo minuto.

Se ti trovi in un posto molto umido accendere il fuoco potrebbe trasformarsi ogni volta in una piccola impresa!

Perché allora non pensare a un fornello a propano da portare con sé? In commercio se ne trovano di tanti tipi, dai più grandi e quasi professionali, ai semplici modelli poco costosi, compatti e pieghevoli che sono anche leggeri da trasportare.

Ti suggeriamo comunque di iniziare a fare un po’ di pratica circa l’accensione del fuoco anche senza fiammiferi o accendini, è una cosa che si rivela sempre molto utile in caso di dimenticanza!

Come accendere un fuoco senza accendino in ogni situazione.

  • Per quanto riguarda il cibo per il campeggio, il dilemma fondamentale è: QUANTO PORTARNE?

Gli amanti della buona tavola non rinunciano a piatti gourmet nemmeno in vacanza e partono con tutto l’occorrente e le attrezzature necessarie.

Quanto cibo vuoi portarti in campeggio dipende molto dai tuoi gusti e dalle tue abitudini, ma anche dallo spazio che hai a disposizione.

Partire in camper o in auto facilita le cose… se invece viaggi con lo zaino in spalla logicamente le quantità di cibo non potranno essere le stesse! Il peso del cibo nello zaino finirebbe sicuramente per compromettere la tua vacanza.

Se viaggi con lo zaino dovrai accontentarti di cibi in scatola, alimenti a lunga conservazione e pasti liofilizzati che possano essere facilmente cucinati in movimento.

Se hai la possibilità di avere un refrigeratore o una borsa frigo, specie d’estate, avrai sempre cibi freschi.

Ti consigliamo comunque di avere sempre con te piccoli spuntini leggeri e veloci, tipo mix di frutta secca: sono un ottimo modo per rifocillarti e ricaricarti e pesano poco, oltre ad occupare uno spazio davvero insignificante.  

  • Anche nel caso delle pentole e attrezzature varie, proprio come nel caso del cibo, la differenza la farà il mezzo di trasporto. Se parti in auto o in camper potrai permetterti un vero e proprio set di pentole e padelle (ottime quelle in ghisa).

Se il tuo spazio è ridotto, non scoraggiarti!

In fondo i pezzi fondamentali sono solo 3:

  • la classica padella per cucinare carne, uova, verdure e così via.
  • la griglia, per pane, carne, verdure, eccetera
  • il forno olandese multiuso (pentola con coperchio in ghisa) per zuppe, stufati e molti altri piatti.

Se parti senza auto o camper ma semplicemente con uno zaino sulle spalle allora dovrai optare per QUALCOSA DI LEGGERO, tipo una pentola o una padella in titanio o alluminio.

Avrai meno cibo con te e sarà meno complicato da cuocere, quindi una sola padella basterà senz’altro e potrà anche sostituire un piatto in modo da farti risparmiare peso e fatica.

Altre attrezzature da cucina che dovresti portare con te sono:

  • dei fiammiferi per accendere il fuoco (da tenere sempre bene asciutti)
  • dei fogli di alluminio per cuocere alcuni ortaggi come le patate, o il pesce, che puoi semplicemente avvolgere e mettere a cuocere tra i carboni per la classica cottura su caminetto,
  • un kit di spatole, cucchiai, forchettoni e pinze che ti serviranno a maneggiare il cibo e a toglierlo dal fuoco una volta cotto

3. I metodi di cottura per cucinare in campeggio

suggerimenti-pratici-per-cucinare-in-campeggio

Che campeggio sarebbe senza un bel falò? Cucinare a fuoco vivo in campeggio è la scelta più comune ed è semplice ed efficace, oltre che particolarmente suggestiva.

Cosa c’è di più bello di un falò attorno al quale sedersi e mangiare in compagnia? Per non parlare dei risultati deliziosi!

Se ti trovi in campeggio sappi però che potrai scegliere tra altri metodi di cottura, dove potrai usare anche le tue pentole… vediamo insieme quali.

  • Cuocere con l’alluminio: procurati un foglio di alluminio non troppo sottile e avvolgi completamente il cibo da cuocere. Piega i bordi e sigilla il cibo, facendo attenzione a non stringere troppo se il cibo cresce con la cottura e a lasciare un po’ di spazio per far fuoriuscire il vapore che si produce durante la cottura.

Metti il “pacchetto” di alluminio sul carbone ardente e giralo di tanto in tanto, in modo che il calore penetri ovunque e cuocia uniformemente il cibo.

Con questo metodo puoi cucinare carne e hot dog, verdure, pesce e frutti di mare, con risultati che ti sorprenderanno.

  • Cuocere con il forno olandese: si tratta di una robusta pentola in ghisa dotata di coperchio che puoi circondare di pezzi di carbone. Il coperchio va tenuto chiuso e quindi per cucinare occorre una buona quantità di olio come condimento perché il cibo non si attacchi.
  • Cuocere con il barattolo di latta: procurati un barattolo di latta molto grande, che riempirai a strati, partendo dalla carne e mettendo via via le verdure. Copri la parte superiore del barattolo in modo che il calore rimanga all’interno e metti pure il barattolo di latta a cuocere sul fuoco.
  • Cuocere con il fornello da campo: soluzione facile da usare e abbastanza diffusa. Il fornello da campo può funzionare a propano, a cherosene e a butano. Molti modelli leggeri possono essere trasportati nello zaino.

Una raccomandazione che riguarda la sicurezza: non utilizzare il fornello da campo in un’area chiusa tipo tenda, oppure vicino al fuoco. Il fornello dovrebbe essere utilizzato unicamente all’aperto, lontano da altre fonti di calore.

  • Cuocere con una stufa improvvisata: metti alla prova il tuo lato avventuroso e prova costruirti una stufa, seguendo questi passaggi. Procurati un bidone di latta piuttosto grande ed elimina il coperchio. La parte priva di coperchio sarà il fondo della stufa.

Ora ritaglia un quadrato sul lato del bidone che si collega col fondo tagliando solo due lati e lasciando il quadrato attaccato. Una volta piegato sarà una sorta di porta di ventilazione e servirà a controllare il calore.

Adesso pratica due fori per l’aria di fronte alla porta.

Posiziona questa stufa improvvisata su un piccolo fuoco. Il bidone diventerà rapidamente molto caldo e servirà a cucinare alla perfezione.

  • Cuocere con un “Buddy Burner: ti spieghiamo un altro trucco per creare un fornello da campeggio. Ti serve una piccola lattina, della cera di paraffina e della carta ondulata. Inserisci la carta ondulata a listarelle all’interno del barattolo, in modo che le strisce di cartone siano più basse della lattina.

Sciogli e versa la cera sul cartone, lasciando sopra il carburante un po’ di carta che faccia da stoppino. Dopo che la cera di paraffina si è indurita, puoi accenderla e avere così la tua fonte di calore di lunga durata, col vantaggio che potrai RIUTILIZZARE la cera anche in seguito.

Se metterai dei chiodi posizionandoli nel terreno attorno a questo fornello improvvisato e poi ci metterai sopra una padella, potrai cucinare i tuoi cibi avendo a disposizione un fornello sempre pronto per ogni emergenza.

Quando hai finito di cucinare metti un coperchio sul fornello per spegnere la fiamma e stai attento perché la temperatura raggiunta è molto alta.

  • Cuocere col fuoco a legna in campeggio è il grande classico! Il tipo di fiamma sarà diverso a seconda dei piatti che deciderai di preparare. Per esempio cuocere uno stufato richiede una fiamma piccola, mentre per portare a bollore l’acqua serve una fiamma più grande. Per cuocere alla griglia è sufficiente appoggiare ciò che devi cuocere sul carbone caldo.

L’uso del fuoco richiede prudenza e una serie di accorgimenti:

  • posiziona una serie di pietre disposte ad anello intorno al fuoco
  • assicurati che nelle vicinanze del fuoco non ci siano rami o detriti che potrebbero prendere fuoco facilmente
  • tieni l’acqua a portata di mano per ogni evenienza
  • se hai una scorta di legna tienila distante dal fuoco
  • usa solo legna secca, non fresca o verde, per evitare il fumo
  • per avere una fiamma duratura procedi così: prima posiziona rametti, foglie, erba secca, pigne, che si accendono facilmente. Dai fuoco a questa piccola esca, accendendo con un fiammifero e tenendola al riparo dal vento. Soffia delicatamente alla base della pira e quando vedi che l’esca sta bruciando costantemente, aggiungi la legna più grande per fare il fuoco vero e proprio. Posiziona sempre più legna e sempre più grande. Quando il fuoco è completamente acceso tienilo alimentato costantemente aggiungendo i tronchi più grossi e assicurati che ci sia sempre abbastanza aria.
  • Cuocere col carbone è semplice ed efficace. Il carbone è UNA GRANDE FONTE DI CALORE, basti pensare che un singolo pezzo di carbone può raggiungere la temperatura di 40 gradi. Usato sulla griglia ti permetterà deliziose cotture di carne, pesce e verdure.

E se vuoi che il carbone raggiunga la temperatura ideale per cuocere il più rapidamente possibile, mettilo all’interno di una lattina con entrambi i coperchi tagliati, posizionando della carta sotto il carbone e accendi. Una volta che i carboni sono pronti (te ne accorgi perché diventano rosso scuro), rimuovi tutta la struttura e stendi il carbone su una superficie più ampia.

Ora il carbone è pronto per la sua funzione!

4. Altri suggerimenti pratici per cucinare in campeggio

suggerimenti-pratici-per-cucinare-in-campeggio

Ecco un elenco di tanti piccoli trucchi culinari e non, che si riveleranno molto pratici e utili da seguire mentre sei in campeggio.

  • in campeggio preferisci un pane tipo “pita” rispetto a quello normale: è più pratico e CONTIENE meglio il cibo
  • porta in campeggio con te anche cibo che non necessita di essere cotto, come frutta secca, barrette di cereali, ecc. per fare uno spuntino energetico che ti ricarichi al momento del bisogno
  • quando cuoci gli hamburger ricordati di fare un piccolo foro con il dito proprio al centro. Serve a permettere la penetrazione del calore e una migliore cottura della carne, più uniforme ai bordi e al centro
  • risparmia tempo ed energia preparando a casa zuppe, stufati e altri pasti, congelandoli e poi facendoli scongelare e riscaldare al momento del bisogno
  • i sacchetti per conservare e congelare gli alimenti sono un grande aiuto! Puoi usarli anche per comporre i tuoi pasti separatamente, risparmiando un sacco di tempo una volta arrivato al campeggio
  • se il tuo refrigeratore perde procurati della cera e scioglila sopra i punti della perdita: quando la cera sarà indurita avrai momentaneamente ovviato all’inconveniente delle perdite, in attesa di far riparare il guasto
  • pulire le pentole sarà più semplice con questo piccolo trucco: prima di metterle sul fuoco, passa un po’ di sapone liquido sulla parte esterna delle stoviglie. Oltretutto così facendo ridurrai anche al minimo i danni causati alle pentole dal fuoco e dal fumo
  • ti sei distratto e il cibo si è bruciato e attaccato al fondo della pentola? Capita! Metti acqua e detersivo per piatti sul fondo della pentola e fai bollire per facilitare le operazioni di pulizia
  • se possibile prendi il ghiaccio in blocco e non a cubetti piccoli. Dura di più e mantiene meglio il fresco, evitando che il cibo si guasti. Ogni tanto è meglio comunque sostituire il ghiaccio
  • cerca di non aprire il frigorifero TROPPO SPESSO. L’ideale sarebbe avere due refrigeratori distinti, uno per le bevande e uno per i cibi solidi, in modo che quest’ultimo non venga aperto troppo spesso.
  • l’odore poco gradevole che a volte si sente in frigorifero può facilmente essere eliminato con una bella pulizia fatta con bicarbonato e acqua
  • l’importanza del coperchio in campeggio è fondamentale, perché il calore è maggiore e il tuo cibo cuoce prima, facendoti risparmiare tempo e carburante. Inoltre il coperchio serve ad evitare che sul cibo cadano insetti o altri ospiti indesiderati
  • e a proposito di ospiti indesiderati, cerca di conservare le tue scorte di cibo in posti sicuri dove nessun animale potrà arrivare
  • altro piccolo suggerimento: appendi il tuo sapone ad un albero, dentro a un calzino, in modo che non si sporchi
  • consiglio per i meno esperti: ricordati di usare sempre l’olio prima di metterti a grigliare il cibo, in modo che non si attacchi alla griglia
  • se hai deciso di cuocere il cibo avvolgendolo nel foglio di alluminio, aggiungi qualche cubetto di ghiaccio nel foglio, per far rimanere umido il cibo durante la cottura ed evitare che si bruci
  • un bravo campeggiatore si vede anche da come è in grado di utilizzare gli spazi. RISPARMIARE SPAZIO e RIUTILIZZARE GLI SPAZI sono i concetti chiave. Alcuni esempi? Bottiglie di plastica come dispenser per condimenti e salse, pentole come ciotole in cui mescolerai gli ingredienti, un grande bricco dove scaldare l’acqua calda per bevande calde, ma anche per cucinare e lavare i piatti
  • HAI DIMENTICATO il guanto da forno e le presine di stoffa per maneggiare cibi caldi e pentole durante il campeggio? Nessun problema, un guanto da lavoro in pelle può ovviare a questa dimenticanza
  • un piccolo suggerimento culinario se stai pensando a un barbecue di carne: inizia a grigliare la carne e solo a metà cottura aggiungi i condimenti e le salse. In questo modo la carne sarà insaporita, ma la salsa non risulterà bruciata
  • i fiammiferi in campeggio sono importantissimi! Assicurati di mantenerli sempre ALL’ASCIUTTO in una scatola impermeabile, oppure ricopri le teste dei fiammiferi di cera, in modo da proteggerli totalmente. Quando avrai bisogno di accenderli la cera si raschia via facilmente
  • se sei abituato a fare uso di margarina o burro scegli un barattolo o una bottiglia, piuttosto che la classica vaschetta. È più comodo da usare e se il burro o la margarina si sono solidificati per la bassa temperatura della borsa frigo, basta immergere semplicemente la bottiglia in acqua tiepida per pochi minuti e burro e margarina ritorneranno fluidi e pronti all’uso
  • è il tuo ultimo giorno di campeggio e ti ritrovi con tanti piccoli avanzi? Cerca di preparare un piatto unico, ad esempio una frittata, dove unirai verdure e carne, in modo da non buttare via nulla e non riportare a casa gli avanzi del cibo
  • un trucco per ovviare all’eccesso di sale! Quando ti accorgi durante la cottura di aver messo troppo sale nelle pietanze, sbuccia una piccola patata e aggiungila al tuo piatto: aiuterà ad assorbire l’eccesso di sale mentre il tuo cibo continua a cuocere
  • i marshmallow sono un classico da cuocere in campeggio sul fuoco. Se tendono ad attaccarsi quando vengono conservati insieme in una borsa, puoi provare a cospargerli di zucchero a velo per mantenerli staccati l’uno dall’altro
  • prima di partire in campeggio studia le zone dove farai il camping. Ce ne sono di attrezzate con tavoli e sedie e in questo caso potrai risparmiare di portartele da casa. Non dimenticare di PULIRE l’area pubblica dove ti sei fermato a mangiare, prima di ripartire
  • se hai scelto un campeggio libero e non ci sono aree attrezzate con tavoli pubblici e zone predisposte dove fare il barbecue, puoi creare tu stesso la tua cucina da campo ma assicurati che sia lontana dalla tenda almeno un centinaio di metri. Ricordati che gli odori di cucina e gli avanzi di cibo potrebbero attirare animali selvatici e questo – troppo vicino al luogo in cui dormi – non è indicato
  • per lo stesso motivo di cui sopra, meglio evitare di lasciare macchie di cibo o odori di alimenti sui vestiti. Meglio cambiarsi sempre, sia prima di dormire, che prima di rimetterti in marcia

5. Pulizia e igiene

suggerimenti-pratici-per-cucinare-in-campeggio

Il capitolo “pulizia e igiene” – quando si cucina e si mangia all’aperto – merita un discorso a parte.

Siamo abituati a cucinare nelle nostre cucine al chiuso dove i batteri sono probabilmente molto meno che all’esterno.

Per questo devi pulire pentole e superfici con particolare attenzione dopo aver cucinato e consumato il tuo pasto.

Anche per attirare animali selvatici o insetti indesiderati!

Lava quindi ACCURATAMENTE i piatti, gli utensili e in genere tutto ciò che ti è servito per cucinare.

Il modo migliore per farlo è adoperare tre contenitori distinti.

  • Nel primo contenitore metti acqua calda e detersivo per sgrassare e detergere piatti e stoviglie.
  • Nel secondo contenitore metti acqua abbondante per il risciacquo.
  • Nel terzo contenitore metti acqua tiepida e disinfettante tipo amuchina per igienizzare

Tutta la zona dove si cucina e si mangia andrà pulita e igienizzata a fine pasto.

Non dimenticare di raccogliere tutti i rifiuti, il cibo avanzato, gli involucri e così via. Raccoglili e smaltiscili a parte, suddividendo i rifiuti in base al materiale di cui sono fatti.

Mantieni sempre pulita la natura in modo che anche i visitatori successivi possano godersi l’area del campeggio.

Post sullo stesso tema
Torna su