Home Puglia Il Gargano

Il Gargano

Il Gargano si trova in Puglia, in provincia di Foggia. Questo promontorio, che ha una superficie di oltre 2000 kmq, ha la forma di uno sperone e si protende a est nel mare Adriatico.

Il Gargano è quasi completamente occupato da una compatta massa montuosa di roccia carsica. Oggi è un Parco nazionale, il più esteso in Italia e il più “biodiverso” d’Europa. Ne fanno parte anche le isole Tremiti.

Esploriamo il Gargano

Manfredonia è la “porta del Gargano”, ma prima di arrivare in città s’impone una visita - lungo la strada che giunge da Foggia - alle chiese romaniche di San Leonardo e di Santa Maria di Siponto, entrambe di poco posteriori al Mille, di straordinaria importanza storica e architettonica. Fino a Vieste la costa si fa rocciosa e particolarmente spettacolare in un susseguirsi di strapiombi, bianche scogliere e spiaggette spesso raggiungibili solo via mare. Quella di Mattinata (il suo nome indica proprio il sorgere del mattino) è la prima grande spiaggia sabbiosa e di facile accesso: è la “farfalla del Gargano” per forma e colore, oltre che la terra dei mandorli. A seguire, la baia delle Zagare, con i suoi faraglioni, e Pugnochiuso, celebre località balneare. Sulla punta orientale dello “sperone”, Vieste, massimo centro turistico del Gargano: un mare indimenticabile tra due lunghe spiagge di sabbia bianca, e sopra, su un promontorio roccioso, un borgo tutto scale e viuzze tortuose, case bianche e archi. Attraversando Manacore, la cui baia è considerata tra le più suggestive della Puglia, si giunge quindi a Peschici, a picco sul blu del mare, stretta entro le antiche mura, con le caratteristiche case a cupola. E poi, proseguendo sulla costa, Rodi Garganico: belle spiagge e mare pulito per la capitale pugliese degli agrumi. Si passa quindi per Ischitella, un paesino costruito “a pettine”, e per Vico del Gargano (la parte vecchia, medievale, è a scacchiera; il suo vanto sono gli agrumi) ed ecco la Foresta Umbra, il cuore verde del Gargano. E poi Monte Sant’Angelo, il più antico e importante centro religioso del Gargano, da dove partiva la Via sacra dei Longobardi che, dalla Spagna a Gerusalemme, univa numerosissimi santuari. Quindi, San Giovanni Rotondo, la città del santuario di Padre Pio. Non lontano, San Marco in Lamis: eletto dai pellegrini come punto di sosta verso Monte Sant’Angelo, è dominato dal santuario di San Matteo.

Montagna e Mare

Il Gargano offre 150 km ininterrotti di spiagge e calette, per cui c’è davvero solo l’imbarazzo della scelta per chi sceglie di trascorrervi una vacanza tutto mare. E una trentina sono le grotte marine. Insomma, il Gargano visto dal mare - da esplorare con barche a vela, gommoni e motonavi che effettuano tour guidati - è uno spettacolo veramente indimenticabile. Capo Vieste e Punta Lunga, dopo Peschici, sono ottime palestre per surf e windsurf. In tal senso, per gli interessati consigliamo la scuola windserf Bari dell'associazione sportiva Shaka Windsurf.

Da organizzare è anche una gita alle isole Tremiti, a 20 km dalla costa pugliese (si raggiungono via mare da Rodi, Peschici, Vieste, Manfredonia e da Termoli, provincia di Campobasso, ma anche in elicottero da Foggia). Un tempo luogo di confino, oggi l’arcipelago è riserva marina e rinomata località turistica. Delle tre isole maggiori, San Domino è la più frequentata (anche perché è l’unica ad avere una lunga spiaggia sabbiosa) mentre San Nicola è il centro amministrativo e storico: qui, ogni anno a fine giugno, Lucio Dalla, il noto cantautore bolognese, organizza il Tremiti Festival, una kermesse musicale a cui partecipano le più belle voci italiane. Il mare limpido, le coste punteggiate di calette, le grotte (delle Viole, del Bue marino e delle Rondinelle) e i fondali ricchi di pesci e splendide conchiglie sono un invito a nozze per i sub, e fare il giro dell’arcipelago in barca è una gran emozione. Ma si può anche organizzare una giornata di pescaturismo.